Detrazione fiscale 19% a chi paga con bancomat e carta credito

1 Ottobre 2019
Detrazione fiscale 19% a chi paga con bancomat e carta credito

Verso la manovra di fine anno: la riforma dell’Iva e le agevolazioni per i pagamenti elettronici. Debito al 2,2%.

Alla fine, l’asso nella manica del Governo per recuperare gli oltre 7 miliardi dall’evasione non sarà il bonus/malus sull’Iva di cui si era parlato qualche giorno fa. Come avevano chiesto Di Maio e Renzi, prevedere un aumento dell’Iva di 2 punti nei confronti di chi paga in contanti significa affossare i consumi e danneggiare i commercianti. Così l’esecutivo ha guardato oltre oceano per individuare la soluzione più adeguata. E finalmente ha estratto dal cilindro quella che, già da più anni, era stata indicata come la soluzione ideale per contrastare l’evasione Iva e imporre ai commercianti il rilascio di scontrini e fatture: la detrazione fiscale sulla spesa.

Così, nel Def approvato ieri dal Consiglio dei ministri, compare un super bonus del 19% fino a 2.500 euro di spesa in specifici settori ad elevato rischio di evasione fiscale. Questa sembra essere una delle misure con cui il Governo sta pensando di incentivare, dal 1° gennaio 2020, l’utilizzo della moneta elettronica.

Alcuni l’hanno già denominato “il super bonus della Befana” perché arriverà all’Epifania la restituzione di 475 euro per chi paga con bancomat e carta di credito.

In questo modo, l’esperienza positiva già sperimentata sul settore edile, per gli interventi di ristrutturazione domestica, verrà esteso agli altri settori del commercio dove l’evasione è particolarmente elevata. Lo strumento dovrebbe consentire al consumatore di ottenere un rimborso massimo di 475 euro annui pari al 19% di 2.500 euro, limite massimo agevolabile per le spese sostenute con carte di debito o di credito nell’anno precedente. Le spese non sarebbero comunque libere, ma sarebbero limitate ad alcuni settori a più elevato rischio di evasione fiscale.

Questa misura, se verrà confermata, presenta certamente delle caratteristiche idonee ad uno stimolo per incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili e una rispettiva diminuzione dell’uso del contante.

Quel che manca, però, è il completamento della disciplina che impone a commercianti e professionisti l’accettazione di pagamenti elettronici (Pos) e l’imposizione di sanzioni certe e immediate. Su questo aspetto, l’attuale disciplina è carente e inattuata.

Con l’approvazione del Def, il rapporto defict-pil si alza al 2,2%. La Commissione Ue chiuderà un occhio anche quest’anno, in cambio di un clima meno battagliero e contestatore nei confronti delle istituzioni comunitarie. Nella Nadef, il Governo si impegna in un «ambizioso obiettivo», quello del disinnesco delle clausole di salvaguardia con l’alleggerimento della pressione fiscale e la riduzione del cuneo fiscale sul lavoro.

Tuttavia, la lotta agli evasori non basta e, dunque, la previsione della cancellazione di «sussidi dannosi per l’ambiente» e dell’introduzione di «nuove imposte ambientali», porteranno al gettito lo 0,1% del pil. Sono previste, poi, «altre misure fiscali», fra cui la proroga dell’imposta sostitutiva sulla rivalutazione di terreni e partecipazioni, per oltre 0,1 punti percentuali.

La Nadef ricorda, poi, la partenza dell’obbligo dal 1° gennaio 2020 per tutti gli esercenti di dotarsi di registratori di cassa con scontrini fiscali telematici che dialogheranno in tempo reale con l’Agenzia delle Entrate. A questa innovazione è legata l’introduzione della lotteria degli scontrini a cui potranno partecipare i consumatori che acquistano beni o servizi presso gli esercenti che effettuano la trasmissione telematica dei corrispettivi.

A chiudere l’elenco delle coperture saranno i tagli alla spesa e agli sconti fiscali, a partire da quelli dannosi: in tutto, i due capitoli valgono circa 3,5 miliardi, divisi a metà fra spending review e tax expenditures.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube