Ticket sanitario: novità in arrivo

1 Ottobre 2019 | Autore:
Ticket sanitario: novità in arrivo

Il ministro Speranza: chi ha di meno pagherà di meno.

“Abbiamo deciso di collegare alla legge finanziaria un disegno di legge per il riordino della materia del ticket, la modalità di compartecipazione alla spesa sanitaria. Lo faremo con un criterio di progressività: oggi non conta se sei miliardario o in difficoltà economica. Al di là delle esenzioni si paga lo stesso e credo che si possa intervenire secondo il principio che chi ha di più deve pagare di più, chi ha di meno deve pagare di meno“. Ad annunciarlo in un video su Facebook, il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo il consiglio dei Ministri di ieri in cui è stata approvata la nota di aggiornamento al Def.

“Abbiamo deciso ieri – ha aggiunto – di affrontare con forza anche la questione del superticket, un balzello di 10 euro che non consente a troppi cittadini di accedere al Ssn. Abbiamo scritto per la prima volta che è sbagliato e che va superato e mi impegnerò perché avvenga nel più breve tempo possibile”. Infine, “abbiamo bisogno di più medici: ci riuniremo con le Regioni per sottoscrivere prima possibile il Patto per la salute, affrontando questo e altri temi come l’assistenza territoriale e le liste di attesa le cui conseguenze sono ancora troppo presenti nella vita delle persone”.

Quelle della rimodulazione del ticket e del superamento del superticket sono solo due delle novità annunciate dal ministro Speranza sulla sfera sanitaria. Il Governo avrebbe anche deciso di stanziare 2 miliardi in più nel 2020 per il Fondo sanitario nazionale, cioè per il principale strumento di programmazione sanitaria tramite il quale si definiscono gli obiettivi da raggiungere entro un certo arco di tempo, individuando azioni e strategie per garantire le prestazioni del Servizio sanitario nazionale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

19 Commenti

  1. Credo che si dovrebbe premiare chi per la grande mole di lavoro possiede di più, perché credo che in molti casi, chi possiede più di un altro, è perché se l’è lavorato, e molto probabilmente ha provveduto a dare lavoro ad altre persone, quindi in questi casi andrebbe premiato.

    1. Quindi un alto dirigente d’azienda che poi viene liquidato con decine di milioni merita più servizi di chi ha sgobbato una vita come facchino o lavapiatti, operaio metalmeccanico (magari anche a rischio della vita) perché questi possiedono meno anche se hanno faticato di più??? Ma è uno scherzo?

      1. Io penso che ognuno di noi deve pagare le tasse in base al reddito che ha per avere qualsiasi servizio compresa la sanità
        Invece purtroppo succede che il 50 per cento paga per chi non paga nulla
        Cosi anche nel lavoro
        Si lavora anche per quelli che non lavorano e andiamo avanti così ……

        1. In effetti è proprio così e una certa sinistra radicale non lo vuole capire continuando a proteggere i nullafacenti e i presunti nullatenenti…e chi se lo prende in saccoccia è la sempre più tartassati classe media che inevitabilmente finisce per votare Salvini!

        2. Italiani onesti che pagano per gli italiani disonesti, fessi onesti che pagano per poveri Rom ingioiellati, poveri extracomunitari, che percepiscono più soldi di un lavoratore, poveri finti a cui paghiamo reddito, altro giro altra corsa
          Viva noi Italioti che abbiamo versato 45 anni di contributi, e sempre lavorato, per poi vedere questi politici che parlano di equità. Va andate a fare via ……

    2. Eh già, i poveracci devono essere puniti perché poveracci : è colpa loro. Mentre i ricchi sono bravi,belli intelligenti e meritano agevolazioni perché se le sono meritate.
      Anzi , tutta sta plebaglia è una bella seccatura, no? Sfoltiamo un po’ di umanità inutile?

    3. Andrebbe premiato dici? Io gli darei la sedia elettrica a quei cosidetti “imprenditori” che altro non sono che SFRUTTATORI bastardi, che campano solo sulle spalle degli schiavi!

    4. Niente e poi niente si fa senza l’apporto della forza lavoro. Chi guadagna parecchio lo fa a discapito di tanti altri che con duro lavoro guadagnano quasi quanto basta per portare avanti la famiglia e non tutti (purtroppo). Lo spetro che andrebbe premiato è l’onestà, che oramai è sempre più lontana dal genere umano.

    5. E’ chiaro che un ragionamento come il tuo e’ frutto di puro egoismo. Forse non ti e’ mai capitato di rimanere senza lavoro, perche’ avresti imparato che senza un lavoro non puoi comprare ne pane ne merendine per i tuoi figli. E senza soldi saresti stato costretto a chiedere aiuto alle tue conoscenze, agli assistenti sociali, a farti fare un po di credito dal salumiere. Ma per fare queste cose ci vuole animo di onesta’, sapersi umiliare, essere anche sottomesso. Certo, tu non l’avresti mai fatto, neppure per la tua famiglia, perche’ sei troppo “onesto e orgoglioso”.
      Сделать хорошо

  2. Trovo che finalmente alla fine di tutti i dibattiti politici si pensi anche alla salute degli italiani (,altrimenti chi paghera in futuro i debiti con la UE? Grazie!)

  3. Mi sembra giusto, chi ha un reddito che può permettersi di pagare medicine e visite è giusto che paghi

  4. In pratica un premio per i tanti tanti cittadini italiani , evasori fiscali, contributivi che continueranno a non pagare nulla perché “finti ” poveri.

      1. I primi porci in Italia sono alcuni giornalisti , al primo posto quelli della RAI, che fanno diventare i politici attori, poi vengono alcuni Giudici e Magistrati, che applicano la legge in modo di non fare avere problemi alle loro famiglie, poi vengono la maggiorparte dei politici, sopratutto i porci democratici, ed infine la parte volgare dell’Italia è il calcio, adesso ditemi dove ho sbagliato nel giudicare questi vigliacchi.

  5. La Costituzione vuole che ognuno concorra alla spesa pubblica in ragione della propria capacità contributiva. Purtroppo ogni volta viene commesso l’errore di non considerare gli evasori che pur avendo buone capacità contributiva, risultano bisognosi di tutto. Ad esempio il reddito di cittadinanza è un premio per gli evasori.

  6. Credo che tutti i cittadini debbano poter usufruire di un’assistenza di base. Far pagare di più chi ha di più è utopistico. Chi ha di più va in ambienti privati, perchè è più sicuro del risultato e non ci sono file, non devi aspettare mesi per una prestazione. Comunque se questo è il principio ( che chi ha di più deve pagare di più, chi ha di meno deve pagare di meno“) si deve altresi riconoscerlo alle sanzioni ed alle multe. Mi spiego meglio: se guadagno 1000 euro al mese, non puoi darmi una multa di 400 euro, perchè non avrei di che vivere. Ma se a prendere la multa è uno che prende 10000 euro al mese i 400 euro non gli fanno ne caldo ne freddo, quindi quello che veramente viene messo in difficoltà è il povero operaio, quindi a stando al mio ragionamento dovrebbe pagare per la stessa infrazione 40 euro cioè un decimo perchè guadagna un decimo rispetto all’altro.

  7. Non avete capito un cazzo del sistema in Italia stanno andando via tutti gli imprenditorii e anche i pensionati ditemi il perché? Le tasse sono alte la gente è stufa di lavorare x gli altri in un paese comunista regna la fame troppi sprechi pub lici il resto lo sanno tutti vi saluto pensateci senza imprese sane non ce futuro

    1. Sono d’accordo a far pagare chi ha di più con chi invece non può permettersi di curarsi perché ha come reddito 294.00 al mese e credetemi è vergognoso un inbocca al lupo a chi risolverà il problema lucia

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube