Business | Articoli

Imprese in difficoltà: modifiche operative al regolamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese

7 Marzo 2013
Imprese in difficoltà: modifiche operative al regolamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese

PMI: è uscito il nuovo strumento del Fondo di Garanzia per il sostegno alle piccole e medie imprese in difficoltà. La finanza agevolata al servizio dell’imprenditoria.

Il 7 dicembre 2012 sono entrate in vigore le modifiche al regolamento operativo del Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese che potenzia il principale strumento di finanza agevolata previsto in Italia, migliorandone la capacità di favorire l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese su tutto il territorio nazionale nell’attuale contesto di crisi economica.

In particolare il decreto [1] prevede:

1) la copertura della garanzia diretta al 70% per le PMI di tutto il territorio nazionale e un importo massimo garantito dal Fondo innalzato da 1,5 a 2,5 milioni di euro, per:

a – finanziamenti di durata pari o superiore a 36 mesi (per esempio finanziamenti per favorire l’attività di ricerca e sviluppo, innovazione, investimenti, internazionalizzazione, ecc…) ;

b – operazioni di consolidamento [2] delle passività a breve termine effettuate con banche diverse da quelle già creditrici delle imprese garantite;

c – anticipazioni [3] concesse alle imprese dagli istituti di credito a fronte di crediti verso la PA certificati ai sensi del DL 185/2008. Per tali operazioni la controgaranzia del Fondo potrà essere concessa nella misura massima dell’80% a confidi o altri fondi di garanzia che garantiscano le imprese fino all’80%.

2) la copertura della garanzia diretta all’80% per operazioni finanziarie relative a:

a – PMI con sede legale ubicata nelle regioni del Mezzogiorno [4]

b- PMI a prevalente partecipazione femminile [5]

c- piccole imprese fornitrici di grandi imprese in amministrazione straordinaria

3) copertura della garanzia diretta al 30% per operazioni di consolidamento effettuate da banche che abbiano erogato i prestiti oggetto di consolidamento. Per le medesime operazioni la controgaranzia del Fondo potrà essere concessa nella misura massima del 60% a confidi o altri fondi di garanzia che garantiscano le imprese fino all’60%;

a- copertura della garanzia diretta per tutte le operazioni finanziarie non indicate ai precedenti punti al 60%, con importo massimo garantito per impresa a 1.500.000 euro; per tali operazioni la controgaranzia potrà invece essere concessa nella misura massima dell’80% a confidi o altri fondi di garanzia che a loro volta garantiscano le imprese fino all’80%;

b – possibilità di innalzare tutte le percentuali di copertura fino al massimo dell’80% in caso di contributi da parte di Regioni ed enti locali.

di SUSANNA CAROLINA ESPOSITO



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube