Diritto e Fisco | Articoli

Diffusi i redditi degli italiani dalle Finanze: ecco chi sono i finti poveri


Diffusi i redditi degli italiani dalle Finanze: ecco chi sono i finti poveri

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 giugno 2013



Crisi economica e lotta all’evasione: anche per il 2013, i dipendenti dichiareranno più dei loro datori di lavoro.

Baristi, gioiellieri e albergatori dichiarano (in media) meno dei propri dipendenti. Non sono le consuete voci di corridoio, ma i dati ufficiali degli studi di settore diffusi oggi dal Dipartimento delle Finanze presso il Ministero dell’Economia.

Dalle indagini risulta che i lavoratori dipendenti hanno dichiarato, nel 2012, circa 20.020 euro, mentre chi gestisce attività come beauty center ne ha dichiarati 7.200, chi gestisce bar 17.800 euro e chi possiede una gioielleria ha dichiarato circa 17.300 euro.

Si era sperato che l’attuale lotta all’evasione potesse capovolgere quella tendenza a dichiarare, da parte dei datori di lavoro, meno dei propri stessi impiegati. E invece anche il 2013 non farà eccezione.

Per gli albergatori il reddito medio di impresa è stato, nel 2011, di 18.300 euro, per gli autosaloni di 10.100 euro, e per i parrucchieri 13.200 euro.

Chi sta meglio sono i professionisti. Al top ci sono i farmacisti (103.400 euro) e i notai (315.600 euro l’anno).

Un dato curioso: nonostante molti lavoratori abbiano perso il lavoro e, quindi, in tante famiglie non entri più lo stipendio, i redditi dichiarati dagli italiani quest’anno sono stati superiori rispetto a quelli degli anni passati. Un aumento, tuttavia, solo dell’1,3%: ben poca cosa se vogliamo ricondurre questo dato ala lotta all’evasione.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI