Diritto e Fisco | Articoli

Diffusi i redditi degli italiani dalle Finanze: ecco chi sono i finti poveri

1 Giugno 2013
Diffusi i redditi degli italiani dalle Finanze: ecco chi sono i finti poveri

Crisi economica e lotta all’evasione: anche per il 2013, i dipendenti dichiareranno più dei loro datori di lavoro.

Baristi, gioiellieri e albergatori dichiarano (in media) meno dei propri dipendenti. Non sono le consuete voci di corridoio, ma i dati ufficiali degli studi di settore diffusi oggi dal Dipartimento delle Finanze presso il Ministero dell’Economia.

Dalle indagini risulta che i lavoratori dipendenti hanno dichiarato, nel 2012, circa 20.020 euro, mentre chi gestisce attività come beauty center ne ha dichiarati 7.200, chi gestisce bar 17.800 euro e chi possiede una gioielleria ha dichiarato circa 17.300 euro.

Si era sperato che l’attuale lotta all’evasione potesse capovolgere quella tendenza a dichiarare, da parte dei datori di lavoro, meno dei propri stessi impiegati. E invece anche il 2013 non farà eccezione.

Per gli albergatori il reddito medio di impresa è stato, nel 2011, di 18.300 euro, per gli autosaloni di 10.100 euro, e per i parrucchieri 13.200 euro.

Chi sta meglio sono i professionisti. Al top ci sono i farmacisti (103.400 euro) e i notai (315.600 euro l’anno).

Un dato curioso: nonostante molti lavoratori abbiano perso il lavoro e, quindi, in tante famiglie non entri più lo stipendio, i redditi dichiarati dagli italiani quest’anno sono stati superiori rispetto a quelli degli anni passati. Un aumento, tuttavia, solo dell’1,3%: ben poca cosa se vogliamo ricondurre questo dato ala lotta all’evasione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube