Diritto e Fisco | Articoli

Verbale di prima e seconda convocazione in assemblea: gli strani orari

29 Agosto 2013
Verbale di prima e seconda convocazione in assemblea: gli strani orari

Nel caso in cui, in prima convocazione, l’assemblea vada deserta, l’amministratore è tenuto a redigere un verbale di tale riunione?

Da prassi, la prima convocazione dell’assemblea condominiale viene fissata in orari particolari (per esempio, di notte o all’alba), in modo da andare deserta. Ciò perché, la legge consente, in seconda convocazione, quorum più facili da raggiungere. In tal modo si può assumere decisioni con maggioranze più basse.

Con la recente riforma del condominio [1], l’amministratore è ormai obbligato a redigere il verbale delle “riunioni dell’assemblea e non più soltanto delle “deliberazioni[2].

Pertanto, ai fini della validità della costituzione e delle votazioni dell’assemblea in seconda convocazione è necessario (e sufficiente) che nel verbale si dia atto che in prima convocazione l’assemblea non ha potuto deliberare per mancanza del numero legale. Non è quindi necessario che si rediga un verbale anche per la prima convocazione.

D’altra parte, se il verbale è previsto per le sole riunioni, esso non è necessario qualora tali riunioni manchino come appunto nel caso in cui l’assemblea in prima convocazione non si sia potuta validamente costituire.

In definitiva, ciò che ha rilievo è soltanto che in prima convocazione, in concreto, l’assemblea non si sia costituita: la prova di ciò potrà essere data con assoluta libertà di mezzi probatori.


note

[1] Legge 220/2012 in vigore dal 18.06.2013.

[2] Art. 1136 cod. civ., curando – ex articolo 1130, n. 7, del Codice civile – la tenuta del registro dei verbali delle assemblee, in cui annotare “le eventuali mancate costituzioni” dell’organo assembleare.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube