Diritto e Fisco | Editoriale

Diffamazione sul web: le leggi ci sono, mancano gli strumenti

3 Giugno 2013 | Autore:
Diffamazione sul web: le leggi ci sono, mancano gli strumenti

Non sono necessarie nuove leggi, ma una più efficiente applicazione: il monito dell’ex Authority per la privacy.

La diffamazione su internet e tutti quei comportamenti illeciti tenuti dai frequentatori della rete sono già sufficientemente perseguitati e puniti dalle norme del nostro codice penale. Il fatto però che vengano ugualmente commessi, e con estrema facilità, non dipende da un deficit delle norme dell’ordinamento, ma dalla ricorrente impossibilità di identificare il colpevole. È questo l’allarme lanciato da Rodotà, ex Garante per la privacy, uno dei principali studiosi e sostenitori del web nel nostro Paese.

Secondo l’ex Authority, non servono leggi speciali, ma strumenti più efficienti per perseguire questo tipo di reato.

Da più parti, è stata del resto sottolineata l’esigenza di istituire una sezione specializzata, all’interno della Procura di ogni Tribunale, per le indagini e la punizione dei reati informatici.

Più che altro, servirebbe una forma di cooperazione internazionale, che veda coordinate tra loro le autorità e i gestori di servizi di commercio elettronico. Sono spesso questi ultimi che pongono paletti e limiti alla possibilità di perseguire i reati di “piccolo taglio”: un po’ come, fino a qualche tempo fa, le banche non fornivano volentieri i nomi dei propri correntisti e le operazioni dagli questi poste in essere. Allo stesso modo i provider e i gestori di piattaforme (come Facebook) pongono delle restrizioni di vario tipo alla cooperazione con le forze dell’ordine (per esempio: tempi e termini limitati nelle risposte).

Basti pensare che alcuni gestori di posta elettronica forniscono l’indirizzo IP dell’utilizzatore (molestatore) solo entro i primi 60 giorni dall’invio: termini di certo insufficienti se paragonati alla lentezza con cui procedono i fascicoli sulle scrivanie dei nostri inquirenti.


note

L’immagine del presente articolo è tratta dal sito http:/kat-nicholson.deviantart.com/art/World-Wide-Web-65793925


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube