Diritto e Fisco | Articoli

Condannato l’avvocato che non restituisce la documentazione processuale


Condannato l’avvocato che non restituisce la documentazione processuale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 dicembre 2011



Obbligo di restituzione del fascicolo alla revoca del mandato e consegna al nuovo difensore: l’avvocato non può rifiutarsi adducendo motivazioni di vario genere come il mancato pagamento della parcella.

L’avvocato, a cui il cliente revochi la procura alle liti, è tenuto a consegnare tutta la documentazione processuale e contabile al nuovo difensore, pena una sanzione disciplinare (la censura). In difetto, egli lederebbe il diritto di difesa (art 24 Cost.) [1] dell’ormai ex cliente. Lo ha solennemente sancito, in un recente caso, la Corte di Cassazione [2].

La procura alle liti è l’atto con cui la persona che si trovi coinvolta in una vicenda processuale nomina un avvocato affinché la rappresenti e difenda. I documenti processuali e contabili sono invece tutti gli atti riguardanti una parte in causa (per es.: atto di citazione, attestazioni delle prove dedotte in processo, quietanze di pagamento delle spese processuali, eventuali ricorsi, sentenza etc.).

È accaduto che un avvocato lombardo, cui era pervenuta, a mezzo di raccomandata, la revoca della procura già conferitagli da un suo assistito, abbia tenuto un comportamento ostruzionistico, teso a impedire la consegna dei documenti processuali e contabili all’ex assistito e al suo nuovo difensore.

Inconsueto atteggiamento, che ha portato lo sconcertato assistito – dopo ripetuti solleciti – a presentare un esposto al Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Monza. Quest’ultimo ha emesso, nei confronti dell’avvocato, la sanzione disciplinare della censura (una dichiarazione scritta di rimprovero), sanzione che poi è stata confermata dalla Cassazione.

note

[1] L’art. 24 Cost. così recita: “Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento. Sono assicurati ai non abbienti con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi in ogni giurisdizione. La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari”.

[2] C. Cass. sent. n. 24080 del 17 novembre 2011.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Una situazione cosi stiamo vivendo mio figlio ed io perche ho cercato l’avv [cut] e non appare. Perche ho bisogno urgente d accedere al gratuito patrocinio sono 17 anni che il padre di mio figlio non li da la manuttenzione.

  2. Sono un avvocato della Repubblica Dominicana con la questione della privacy non si riesce a capire a chi ci rivolgiamo e in mezzo a molte persone oneste, si trovano una grande quantità di delinquenti, che conosciamo sempre dopo e con la scusa della privacy, anche nelle sentenze si occultano i nomi. Esempio L’Ordine Disciplinare Avvocati à usato a mio modesto parere si usa come corporazione difensiva che non coercitiva, dalla mia unica esperienza non ho avuto una buona impressione. il giorno dopo avere presentato un Esposto infrazioni molto gravi, ho avuto un colloquio con funzionario dell’Ordine, che tentava di mettere da subito un coperchio su tutti i malefatte di un avvocato che è uscito qualche minuto dopo del sottoscritto, il colpevole l’hanno chiamato immediatamente è il titolare dell’Esposto telefonando dalla Rep. Dominicana mi è stato riferito che era stato inoltrando 22 maggio un mese dopo essere stato depositato 19 aprile, pertanto non prendiamoci in giro.
    La legge è uguale per tutti se tutti hanno lo stesso portafoglio Allegri Saluti
    Alfredo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI