Diritto e Fisco | Articoli

Se il bagnino non salva il bagnante è omicidio colposo

6 Giugno 2013
Se il bagnino non salva il bagnante è omicidio colposo

Non importa che la vittima sia stata colta da un malore improvviso che non le abbia consentito di gridare aiuto.

Il bagnino che non salva il bagnante mentre affoga in piscina risponde di omicidio colposo. Non rileva il fatto che l’incidente mortale sia stato determinato da un malore improvviso, e che tale malore sia stato così fulmineo da impedire allo stesso bagnante di chiedere aiuto.

L’assistente deve infatti vigilare sempre sulle situazioni di pericolo, anche quelle meno evidenti e più subdole. Proprio questo è il suo compito: stare a bordo vasca a controllare ogni situazione onde intervenire tempestivamente. Da quella postazione, la visuale gli consente di supervisionare anche le condizioni di chi non riesce a lanciare un s.o.s.

Questo è il principio che emerge da una recente sentenza della Cassazione [1].

Non si può pretendere – osserva la Cassazione – che il compito dell’assistente sia limitato a soccorrere soltanto chi si dimena in acqua perché non sa nuotare: è invece necessario che il bagnino si adoperi attivamente per evitare le disgrazie prestando soccorso anche a chi si abbandona inerte sull’acqua perché vittima silenziosa di un malore.


note

[1] Cass. sent. n. 24165/13 del 4.06.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube