Diritto e Fisco | Articoli

Per le pensioni un futuro al ribasso

7 Giugno 2013
Per le pensioni un futuro al ribasso

Le pensioni future degli italiani saranno al ribasso. L’allungamento della speranza di vita farà calare gli importi. A dirlo una stima della variazione dei coefficienti di trasformazione, cioè del moltiplicatore con cui nel sistema contributivo, si trasforma il montante dei versamenti effettuati negli anni di lavoro in pensione. Dal 1996 questi coefficienti si sono ridotti dell’11,4% passando dal valore del 6,136% al 5,435%. E il calo proseguità nelle decadi a venire, fino a scendere al 4,53% nel 2065. La proiezione è stata presentata ieri nel corso della seconda giornata del Congresso nazionale degli Attuari a Roma. Dalla relazione emerge che con la riforma Fornero si risparmieranno 80 miliardi di spesa in dieci anni, compresi i costi per la salvaguardia dei lavoratori esodati. Invece il passaggio al nuovo regime contributivo resta ancora lento: nel 2025 il 65,8% delle pensioni sarà ancora retributivo e il 30% di regime misto.


note

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Davide Colombo, Il Sole 24 Ore del 7.06.2013, pag. 3


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube