Diritto e Fisco | Articoli

Successione: come sbloccare il conto corrente del parente defunto

12 giugno 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 giugno 2013



La burocrazia opposta dalle banche a chi desidera entrare in possesso dei risparmi di un parente deceduto è a volte insopportabile. Vediamo quali sono i documenti e le pratiche da svolgere per ottenere il dovuto.

Quando muore il titolare di un conto corrente o di un deposito amministrato di titoli e fondi, le banche sono solite tenere un comportamento di estremo rigore nella gestione e nel rilascio dei risparmi agli eredi. Spesso, infatti, gli istituti di credito si rifiutano di compiere qualsivoglia operazione sui conti già intestati al defunto, adducendo la mancata dimostrazione, da parte degli eredi, di una valida giustificazione per operare sui fondi medesimi.

È necessario sapere innanzitutto che la banca può non essere informata dell’intervenuto decesso di un proprio correntista senza che nessuno glielo abbia comunicato. Pertanto non è lecito operare sui conti di quest’ultimo senza prima metterla a conoscenza della morte del congiunto, altrimenti ci si espone a possibili denunce da parte dell’istituto di credito stesso nonché degli altri eredi che potrebbero lamentare la sottrazione di beni ereditari.

Che fare quindi per rientrare in possesso dei risparmi del defunto in maniera lecita e il più rapida possibile?

Prima cosa da farsi è informare, di persona o tramite raccomandata A/R, della morte del proprio congiunto la banca depositaria dei risparmi di quest’ultimo.

Ricevuta la notizia molti istituti bloccano il conto corrente e gli altri titoli e non consentono alcuna operazione su di essi. Niente paura: si tratta di una normale procedura atta a garantire la banca, da un lato, e i chiamati all’eredità, dall’altro, contro il rischio di occultamento in via fraudolenta del denaro e dei beni ereditari.

Per rientrare in possesso dei risparmi depositati si deve consegnare all’istituto di credito una copia registrata presso l’Agenzia delle Entrate della dichiarazione di successione, ossia quel documento riportante tutti i beni di proprietà del defunto al momento della morte, coi i relativi valori (leggi l’articolo: “Dichiarazione di successione: come, chi e quando”).

Tuttavia, ancor prima è necessario chiedere alla banca di fare i conteggi di tutte le posizioni già intestate al defunto e in essere alla data del decesso, nonché di consegnare agli eredi un documento riepilogativo di tali calcoli contenente gli importi dei conti correnti, dei titoli, fondi ecc. rivalutati alla data dell’apertura della successione. Questo documento servirà per la compilazione della dichiarazione di successione e andrà allegato a quest’ultima nel momento in cui verrà depositata per la registrazione all’Agenzia delle Entrate.

Una volta consegnata alla Banca la dichiarazione di successione, quest’ultima rilascia i risparmi agli eredi, svincolando i conti correnti e i depositi amministrati contenenti tutti i titoli come ad esempio le azioni, le obbligazioni, i fondi comuni di investimento ecc.

Attenzione! Si consiglia, una volta informata la banca della morte del proprio congiunto, di consegnare a questa anche un certificato di morte rilasciato dal Comune presso il quale è intervenuto il decesso. Ciò in quanto le banche sono enti privati e nei loro confronti non opera il principio dell’equivalenza delle autocertificazioni fatte dal cittadino in merito ad atti o fatti di sua conoscenza rispetto alle attestazioni rilasciate direttamente dagli enti, cosa che invece è prescritta dalla legge nei confronti degli enti pubblici (come ad esempio l’Agenzia delle Entrate).

Alcune banche poi, magari in virtù dei rapporti di lunga data con il defunto e i suoi familiari, sono solite consentire la movimentazione dei risparmi agli eredi anche prima della presentazione della dichiarazione di successione, spesso per piccole operazioni (come il pagamento delle spese funerarie). Si tratta di una prassi spesso legata alla circostanza che gli eredi già possiedono la firma sui conti della persona deceduta. Tuttavia non è consentito generalizzare a causa delle diverse politiche adottate in merito dai vari istituti.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

27 Commenti

  1. COSA SUCCEDE SE UN EREDE SI RIFIUTA DI PRESENTARE I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLA SUCCESSIONE?

    1. cosa accade se un erede non presenta i documenti di riconoscimento per la presentazione della successione? grazie,

  2. COSA SUCCEDE SE UN EREDE SI RIFIUTA DI PRESENTARE I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLA SUCCESSIONE?

  3. ”Una volta consegnata alla Banca la dichiarazione di successione, quest’ultima rilascia i risparmi agli eredi, svincolando i conti correnti e i depositi amministrati contenenti tutti i titoli…”
    e che cosa sucede nel caso che uno dei eredi consegna alla banca la dichiarazione di successione all’ inssaputa degli altri? potra prelevare tutta la soma? o la banca chiede la presenza di tutti gli eredi?

    1. Chiede la presenza di tutti gli eredi elencati nella dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio oppure dell’atto notorio vero e proprio redatto da un notaio

  4. il20gennaio 2014 è morto mio fratello senza figli e ha una compagna gli eredi saremmo io e mio nipote figli di un altro fratello deceduto:Non siamo ancora andati dal notaio ma so quello che mio fratellio mi disse prima di morire_che aveva lasciato il danaro aveta CCt ai miei figli ne ho tre: la casa a me ed a mio npote ma l’usofrutto alla compagna: ora chiedo devo essere io a bloccare prima dell’apertura del testamento i conti correnti e i CCt: la sua compagna aveva la firma solo per prelievi nel conto e la firma sempre solo per eventuale bisogno su un CCT:può questa prelevare dopo la morte a mia insaputa? graziel

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  5. Salve mio padre è deceduto a settembre 2013, a novembre 2013 ho consegnato i documenti della successione del c/c alla banca a tutt’oggi ho ancora il c/c bloccato…… in banca dicono che sono indietro con le successioni…. E’ normale?? Come posso fare???

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  6. MIA MADRE MUORE E LASCIA IN UN CONTO CORRENTE ACCESO PRESSO UNA BANCA SOLDI. GLI EREDI SONO TRE. PER ACCEDERE AI SOLDI LA BANCA RICHIEDE LA PRESENZA DI TUTTI E TRE GLI EREDI. PRESSO LA BANCA SONO STATI DEPOSITATI TUTTI I DOCUMENTI. DUE DEGLI EREDI SI RIFIUTANO DI ANDARE IN BANCA PER RITIRARE I SOLDI POICHE SONO STATI DENUNCIATI PENELMENTE E CIVILMENTE PER APPROPIAZIONE INDEBITA ED ALTRO. COME POSSO FARE PER ENTRARE IN POSSESSO DELLA SOMMA CHE MI SPETTA DI DIRITTO ANCHE SE LA BANCA SI RIFIUTA DI DARMI I SOLDI?
    GRAZIE.

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  7. Quando il conto in banca del defunto è bloccato , x attesa documenti di successione, la banca deve tutelarle il c/c?, cioè prendendo i propri conpensi solo al ritiro dagli eredi? Ma questa cifra dovrebbe avere un rendiconto ? Cioè la banca dovrebbe dare degli interessi! O no?

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  8. La banca otre alla documentazione di cui sopra mi chiefe una situazione storica di famiglia e un attp di notorio, da fare ho da notaio o dal tribunale. Ma secondo voi e lecito?

  9. mio fratello è deceduto e ha lasciato testamento a favore di una sorella il cc bancario….. non sarebbe sufficiente la copia del testamento, il certificato di avvenuta registrazione dello steso e atto notarile per sbloccare il conto????? è proprio necessario aspettare la successione considerando che si ha un anno di tempo???

  10. mio zio è deceduto a ottobre lasciando sola la moglie, non ha figli. viveva in Svizzera con doppia cittadinanza. sia lui che la moglie. Sembra non ci sia testamento. Ha un conto in Italia ed io ho contattato la banca e ho provveduto ad inviare certificato di morte e atto notorio in cui si attesta che gli eredi sono la moglie, la sorella e noi nipoti figlie del fratello deceduto. La banca dapprima mi ha detto che mi avrebbe mandato la lettera di certificazione una volta ricevuto certificato di morte e atto notorio, poi ha cambiato e mi ha chiesto anche le fotocopie dei documenti di tutti gli eredi. Ora il problema è che la moglie non sta bene e di queste problematiche per ora non vuol sentir parlare. tutti gli altri documenti ci sono. cosa posso fare?

  11. volevo chiedere in caso di successione per la morte della sorella che non ha lasciato testamento ha altro fratello oltre il sottoscritto ed un marito in separazione dei beni con conto non cointestato .puo’ la banca anche in presenza di tutti e tre obbligare ad aprire un altro conto cointestato ai tre con spese che a parole era gratuito ma si pagava 4,2 euro al mese e vendere le azioni ed i fondi valutando il valore alla morte di mia sorella 21 dicembre 2014 e non del prezzo medio che invece era molto superiore? aveva 6 mila seat 3 mila a 2,91 e 3mila a 2,66 poi ridotte 200 vecchie azioni ad 1 nuova inoltre aumento di capitale nel 2009 ad 1 euro non so in che misura ,mi han detto che ereditavamo le minusvalenze che solo su unicredito erano di 37 mila euro ed invece ho docuto scoprire da solo che le minusvalenze non si ereditano, ma addirittura hanno valutato che avevo guadagnato plusvalenze dalla vendita di 386 enel e 485 banca intesa e solo 25 euro di minus sulle seat che a me ne son toccate 3 su 21 ,in quanto hanno calcolato il valore delle seat non all’acquisto del 2000 non l’acquisto di enel mille a 8,3 in opv e 1000 a 4,84 euro,e nemmeno il prezzo di acquisto delle banca intesa ma solo il valore che tali titoli avevano il 21 dicembre 2014.io mi sento truffato ed hjo intenzione di ricorrere al giudice di pace denunciando la cosa alla consob e banca d’italia.

  12. ultimamente le banche si fanno pagare l’attestazione dei conti correnti dei defunti presso le loro agenzie.
    E’ lecito questa pratica visto che il costo si aggira intorno ai 200 euro per una semplice attestazione di denaro non suo?
    Quale normativa permette questo

  13. Siamo tre eredi io mia sorella e mia madre. Nel 2003 muore mio padre lasciando una somma I denaro alle poste.il sottoscritto non ne sapeva nulla ma solo mia sorella e mio cognato bancario hanno deciso di trasferire il tutto nella banca dove lui lavora.Poco dopo di tempo il libretto bancario e’statto intestato oltre a mia madre anche a mio cognato senza che io fossi informato.

  14. Come fare se un erede ha l’amministratore di sostegno è bloccata la successione? Come possono difendersi gli altri eredi ?
    È possibile che questi comandano tutto ,

  15. Nel 2013 muore mia madre e lascia soldi su un conto corrente..siamo tre fratelli e abbiamo consegnato tutta documentazione..la banca vuole che tutte e tre firmiamo il passaggio a un conto cointestato .. ora per dispute personali un fratello non è ancora andato a firmare dopo 3 anni e la banca non vuole darmi un terzo del danaro del conto corrente….è lecita questa posizione della banca??? Cosa posso fare???? Grazie

  16. BUONI FRUTTIFERI SBLOCCATI ,SOLO UN LIBRETTO BLOCCATO PERCHE MIA SORELLA ABITA IN UNA ALTRA CITTA E NON VUOLE VENIRE A FIRMARE COSA POSSO FARE.GRAZIE

  17. BUONI FRUTTIFERI SBLOCCATI ,SOLO UN LIBRETTO BLOCCATO PERCHE MIA SORELLA ABITA IN UNA ALTRA CITTA’ E NON VUOLE VENIRE A FIRMARE COSA POSSO FARE.GRAZIE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI