Diritto e Fisco | Articoli

Cassa avvocati, ecco le nuove regole: maxi sconti per i più piccoli

10 Giugno 2013
Cassa avvocati, ecco le nuove regole: maxi sconti per i più piccoli

Pronte le nuove aliquote per chi guadagna meno di 10 mila euro; ulteriori benefici nel regolamento definitivo.

È pronto il regolamento con cui Cassa forense attua le novità della legge di riforma forense [1] che impone, con l’iscrizione all’albo professionale, anche l’iscrizione alla Cassa Avvocati.

Ecco le principali novità.

È prevista un’aliquota soggettiva minima ridotta a metà per i primi 5 anni di iscrizione, indipendentemente dall’età; anche quella integrativa è ridotta alla metà, ma per un ulteriore periodo di  cinque anni.

Per chi, invece, non supera la soglia reddituale di 10.300 euro, è concesso per un decennio di pagare il 50% del contributo soggettivo minimo obbligatorio.

Il debutto del nuovo regolamento avverrà il 15 giugno, quando sarà posto al vaglio degli ordini e degli organismi di rappresentanza della categoria.

Tra le novità maggiormente interessanti vi è l’opportunità, per gli iscritti agli albi, non appena inseriti nelle liste della Cassa, di valersi – se lo si ritiene opportuno – della possibilità di retrodatare l’iscrizione alla CAP “per gli anni di appartenenza all’elenco dei praticanti abilitati al patrocinio sostitutivo”. Per coloro che, invece, alla data del 2 febbraio 2013 erano già iscritti nell’albo, la retrodatazione può essere allungata anche ai primi tre anni di iscrizione all’Albo”.

Un’ultima agevolazione è stata poi prevista per gli avvocati che, al momento della registrazione, abbiano compiuto il 40mo anno d’età: essi potranno beneficiare del pagamento di una speciale contribuzione pari al doppio dei contributi minimi, soggettivo ed integrativo, dell’anno di presentazione della domanda per ciascun anno a partire da quello del compimento del 39mo anno di età, fino a quello anteriore alla decorrenza di iscrizione, entrambi inclusi.


note

[1] Art. 21 commi 8 e 9 della legge 247/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube