HOME Articoli

Le Guide Assenza o rifiuto alla notifica di cartelle o atti giudiziari: che succede

Le Guide Pubblicato il 11 giugno 2013

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 11 giugno 2013

Rifiutare (anche per assenza) la notifica di cartella esattoriale o di atto giudiziario: che succede se il destinatario rifiuta l’atto o è assente.

 

Che succede se l’ufficiale giudiziario o il postino deve notificare una cartella esattoriale o un atto giudiziario e il destinatario è assente, incapace o rifiuti la notifica?

Rifiutarsi di ricevere un atto da parte dell’ufficiale giudiziario o una cartella esattoriale è una pessima scelta perché, in tali casi, la legge – superate determinate formalità – considera la notifica come correttamente avvenuta. Con la conseguenza che il destinatario non ne potrà mai conoscere il contenuto e prendere le relative contromisure (come proporre una opposizione).

Avevamo fatto lo stesso discorso con riferimento alle raccomandate a.r. consegnate dal postino (leggi l’articolo: Che succede se non ritiro la raccomandata alla posta o dal postino?).

In questa sede, invece, lo faremo con riferimento agli atti provenienti dal tribunale (atti giudiziari) e alle cartelle esattoriali.

Bisogna distinguere a seconda che la notifica venga effettuata da parte di un ufficiale giudiziario (notifica a mani) o dal postino (notifica a mezzo posta).

Notifica con l’ufficiale giudiziario

Se la notifica è effettuata da un ufficiale giudiziario [1] e non attraverso il postino, quando non sia possibile eseguire la consegna della cartella o dell’atto per irreperibilità del destinatario (cioè: assenza, incapacità o rifiuto), l’ufficiale giudiziario compie tra atti fondamentali:

– deposita la copia nel Comune dove la notifica deve eseguirsi,

– affigge avviso del deposito alla porta dell’abitazione del destinatario

– e gliene dà notizia con l’invio di una successiva raccomandata con avviso di ricevimento.

Compiute tali attività, la notifica si considera avvenuta nel giorno del deposito, ed è irrilevante la data in cui il destinatario ritiri materialmente la cartella al Comune.

Notifica con il postino

 

Quando la notificazione avviene per posta, ossia l’omessa consegna del plico per assenza del destinatario non comporta l’adozione della predetta procedura.

L’agente postale, in questi casi, deposita il piego lo stesso giorno presso l’ufficio postale preposto alla consegna. Quindi ne dà notizia al destinatario mediante avviso a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

L’avviso deve contenere l’espresso invito al destinatario a provvedere al ricevimento del piego, con l’avvertimento che la notificazione si ha comunque per eseguita trascorsi dieci giorni dalla data del deposito [2].

In definitiva

Anche quando il destinatario dell’atto non sia presente, sia incapace o si riufiti di ritirare l’atto, la notificazione si considera comunque eseguita:

– o con il deposito dell’atto presso la casa comunale

– o decorsi dieci giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata

note

[1] Art. 140 cod. proc. civ.

[2] Art. 8, comma 4, della legge 890 del 1982, sulle notificazioni a mezzo raccomandata (come sostituito dall’articolo 2 del Dl 35 del 2005.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. da visura camerale abbiamo presi l’indirizzo ma l’ufficiale giudiziario non ha trovato la sede, ma la sede e giusta come peso fare visto che ere l’ultimo giorno utile?

  2. Ma io dico hanno portato l’Italia alla Rovina ora rompono coglioni ma la.gente.senza lavoro come fa’pagare ma brutti figli puttane,!

  3. io ho scoperto dopo 1 anno di aver ricevuto un atto di pignoramento. Mai ricevuto nulla nè avviso e nulla e adesso devo 20 mila euro all’aler di milano a quei fottuti bastardi che oltre ad avermi assegnato l’alloggio nel 2004 a febbraio mi hanno fatto uscire x fare i lavori e sono riuscita ad entrare perchè ho pagato a spese mie un muratore e nn dico altro solo avere avuto lo sfratto nel 2012 ora mi hanno rovinato. Ladri ed usurai.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI