Diritto e Fisco | Articoli

Protesto: fido irrevocabile dalla banca con una comunicazione generica

10 Giugno 2013
Protesto: fido irrevocabile dalla banca con una comunicazione generica

La banca deve specificare la posizione irregolare tra i vari contratti in essere.

La banca non può far revocare il fido del correntista con una comunicazione generica – come può essere quella contenuta in un telegramma -, ma deve farlo in modo chiaro e inequivocabile: con la conseguenza che, se il cliente, in conseguenza di ciò, viene protestato per mancanza di fondi, l’istituto di credito è tenuto a risarcirgli il danno.

A sancire il principio è stata la Cassazione in una recentissima sentenza [1].

La Cassazione ha anche precisato che è illegittimo il comportamento dell’Istituto di Credito che, per via di irregolarità su un rapporto di conto, estenda il recesso dall’affidamento a tutti gli altri rapporti intrattenuti dal cliente medesimo, senza una apposita specificazione.

Insomma, il recesso dall’affidamento bancario deve rispettare necessariamente due condizioni:

– specificare a quale dei rapporti intrattenuti dal correntista si riferisce. A tal fine, la banca non può semplicemente indicare al proprio cliente di essere creditrice di un credito e chiederne l’immediato pagamento senza specificare a quale rapporto tale credito si riferisce;

­- spiegare le motivazioni per cui il recesso da un rapporto di affidamento viene esteso anche a tutti gli altri rapporti intrattenuti dal correntista con la banca.

Una comunicazione di tale tipo, fornita dalla banca con un semplice telegramma, sarebbe generica e ambigua, afferma la Suprema Corte, e quindi irregolare. Al contrario, tale comunicazione deve essere precisa e non sommaria, indicando a quale posizione irregolare si riferisce.

Dunque, la revoca del fido va sempre comunicata in modo chiaro e inequivocabile, essendo in corso tra la banca e il correntista un regolare contratto. Nulla infatti autorizza la prima, che sia legata al proprio cliente da una pluralità di contratti, a comunicare il suo recesso senza specificare a quale rapporto si riferisce; né essa può estendere gli effetti del recesso da un singolo rapporto bancario a tutti i rapporti intrattenuti dalla banca con il correntista stesso, in mancanza di una apposita specificazione.


note

[1] Cass. sent. n. 14455 del 7.06.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube