Diritto e Fisco | Articoli

Praticanti avvocati: dal 2015 nuove regole. Due pareri del CNF

11 Giugno 2013
Praticanti avvocati: dal 2015 nuove regole. Due pareri del CNF

L’entrata in vigore delle nuove norme non è ancora effettiva, salvo per il termine di 18 mesi per il tirocinio; il giuramento si fa ancora davanti al Presidente del Tribunale.

La Commissione Consultiva presso il Cnf ha inviato due recenti pareri ai Consigli dell’Ordine [1] in cui ha chiarito alcuni fondamentali aspetti relativi al tirocinio legale, per come modificato dalla riforma dell’ordinamento della professione forense.

Il primo di questi aspetti attiene all’entrata in vigore delle nuove regole. In particolare, la disciplina del tirocinio, contenuta nella riforma forense, non è applicabile immediatamente, ad esclusione del termine ridotto a 18 mesi per la pratica.
Ciò, oltre ad evincersi dal tenore letterale dalla nuova legge, si rende necessario per consentire l’emanazione di un decreto ministeriale di attuazione delle nuove e profonde innovazioni dell’attuale istituto del tirocinio.

Inoltre, il diploma conseguito a seguito della frequenza della scuola di specializzazione nelle professionale legali vale un anno di tirocinio a  prescindere dalla contestualità o meno con la pratica forense.

La commissione consultiva ha poi evidenziato che l’obbligo di impegno solenne davanti al Consiglio dell’Ordine riguarderà anche il praticante abilitato una volta che entrerà a regime la nuova disciplina del tirocinio nel suo complesso.

Nella fase transitoria, invece, i praticanti abilitati dovranno continuare a prestare il giuramento davanti al presidente del tribunale.

In relazione alla prassi che si è instaurata presso alcuni Consigli dell’Ordine, nulla osta che i Consigli dell’Ordine possano far assumere l’impegno solenne anche davanti al Consiglio stesso, in una unica cerimonia alla presenza del presidente del tribunale, all’uopo convocato.


note

[1] con circolare 11-C-2013 del 7 giugno (relatore Ubaldo Perfetti).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ma il prossimo esame 2015 dicembre sarà senza codice annotato? Vi sono diverse interpretazioni. Mi pare che stando alla lettera della norma dovrebbe entrare in vigore la riforma per quella sessione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube