Diritto e Fisco | Articoli

La prima casa non sarà pignorabile: i nuovi limiti ad Equitalia

15 Giugno 2013
La prima casa non sarà pignorabile: i nuovi limiti ad Equitalia

Col decreto del fare stop ai pignoramenti prima casa da parte di Equitalia, aumento a 50.000 euro del debito per potersi procedere ad espropriazione; no case di lusso e capannoni; non sarà pignorabile l’ultimo emolumento dello stipendio

Arriva oggi al Consiglio dei Ministri il “Decreto del fare” contenente tutte le novità che intende introdurre il Governo Letta per rilanciare l’economia e il fronte fiscale.

All’ordine del giorno figurano diversi punti di cruciale importanza, come i temi della giustizia, il sovraffollamento carcerario e il piano sicurezza. Si parlerà, inevitabilmente, anche di Iva.

Con il “Decreto del fare”, l’Esecutivo intende rivedere i poteri di Equitalia, soprattutto per le espropriazioni di beni di imprese e prime case. Per quest’ultime infatti l’agente della riscossione potrà mantenere le garanzie (ipoteche) e la prelazione nell’incasso del credito vantato in caso di vendita all’asta, ma non potrà più procedere all’espropriazione dell’immobile se prima casa.

Il provvedimento non interessa le case di lusso incluse nelle categorie catastali A1, A8 e A9. Inoltre, per tutti gli immobili, il recupero coattivo potrà essere messo in atto da Equitalia solo se il debito supera i 50mila euro (oggi la soglia è fissata in 20mila euro).

Per i capannoni, i pignoramenti si limiteranno a un quinto.

Novità anche per chi paga a rate: in caso di difficoltà, per decadere dal piano di dilazione bisognerà aver omesso il pagamento non più di due rate bensì di cinque. Dunque, solo dopo il mancato pagamento di cinque scadenze si perde il beneficio della rateazione.

L’esattore, inoltre, non potrà mai più mettere mano sull’ultimo emolumento o sull’ultima pensione accreditati al debitore in caso di pignoramento del quinto dello stipendio o della pensione.


note

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Eugenio Bruno e Marco Mobili, II Sole 24 Ore del 15.06.13, pag. 3 e 5.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube