Tech | Articoli

Mp3 da piscina, Nilox di Federica Pellegrini: la nostra opinione

15 giugno 2013


Mp3 da piscina, Nilox di Federica Pellegrini: la nostra opinione

> Tech Pubblicato il 15 giugno 2013



La nostra recensione sul Nilox SwimSonic by F. Pellegrini, un lettore mp3 da piscina che non fa il suo lavoro.

Il nostro angolo dedicato alla tutela del consumatore questa settimana si sofferma su uno dei tanti lettori MP3 da piscina oggi in commercio. Si tratta del Nilox SwimSonic, noto per l’ampia pubblicità diffusa su internet (in particolare su Facebook), battezzata anche da un testimonial d’eccellenza: Federica Pellegrini.

Abbiamo voluto acquistare il lettore per poterlo testare sulla nostra pelle.

La prima cosa che però ci ha meravigliati è stata la quasi totale assenza, sulle prime pagine di Google, di siti che offrissero le opinioni degli utenti. Vi sono, al contrario, un gran numero di link legati alla pubblicità e di e-Store ove è possibile acquistare il prodotto. Una coincidenza?

Così, ancora più incuriositi, siamo scesi in vasca dopo aver caricato il Nilox con un po’ di cartelle di vari album musicali. Abbiamo preso la versione a 4 giga, certamente più vantaggiosa di quella a 2 giga.

Alla fine della prova, il nostro giudizio è negativo.

Abbiamo testato, in passato, altri lettori mp3 cosiddetti subacquei (ricorderete il famigerato “Oregon Scientific” che presentava numerosi diversi difetti di fabbricazione), ma ancora nessuno è riuscito a soddisfarci completamente. Il Nilox ha diversi problemi. Eccoli elencati.

Aggancio all’elastico

Si nota innanzitutto la scarsa completezza del libretto di istruzioni che non chiarisce come agganciare il Nilox all’elastico dato in dotazione e/o al laccio dei vostri occhialini. Questa operazione ha richiesto, prima del collaudo, circa trenta minuti. Anche il risultato finale è stato assolutamente precario e non ci ha soddisfatto.

Ad alte velocità, poi, le cuffie scivolano dalle orecchie. Un problema, comunque, che si può ovviare tenendo la cuffia in silicone ben sotto il padiglione auricolare.

Assenza di display

Sul Nilox non è presente un display. Questo rende impossitibile individuare la cartella del brano in riproduzione, né la durata residua della batteria. Per tale ragione la navigazione all’interno dell’archivio caricato nel Nilox è assolutamente difficoltosa. Così come difficoltoso e a volte lento è il passaggio da un brano all’altro. Spesso il Nilox si “blocca” ed è necessario spegnerlo e riaccenderlo. Sul punto il rivenditore non ci ha saputo dare spiegazioni.

Tutto ciò rende il lettore in questione un apparecchio buono solo per una riproduzione senza possibilità di interazioni, per chi si accontenta di ascoltare le canzoni per come sono state caricate, dalla prima all’ultima.

Tastierino minuscolo

Il Nilox presenta solo quattro tasti: due per il volume e due per la navigazione tra le tracce (oltre al pulsante Play e a quello di spegnimento/accensione).

Il tastierino coi tasti del volume e di selezione delle tracce è minuscolo e non consente, a meno di avere le unghie ben curate, una facilità di contatto.

Se si ha la necessità di cambiare canzone è necessario addirittura interrompere la nuotata e sganciare il Nilox dall’elastico per poterlo vedere.

Rumore

L’acqua entra nei padiglioni auricolari, nonostante l’ampia varietà di gommini disponibili nel pacchetto e la forma curvilinea della cuffietta, che ben si adatta all’orecchio. Alla fine, bastano 15 minuti perché il suono diventi ovattato e cominci ad essere disturbato.

Il nuotatore, tutto ad un tratto, si accorge anche del tipico rumore dell’acqua che entra ed esce dalle orecchie, rumore a cui, in assenza di musica, ci si abitua facilmente, ma che, con gli auricolari, finisce con il confliggere con la percezione della musica. Risultato: un gran mal di testa.

Alla fine, nuotare con il Nilox addosso è stato estremamente difficile.

Tuttavia…

Il Nilox sembra più un oggetto dedicato a chi non “nuota” in senso stretto, ma ama galleggiare o stare sul materassino. In questo caso, il Nilox offre l’indubbio vantaggio di sentirsi discretamente anche fuori dall’acqua (i precedenti lettori da noi testati, invece, presentavano anche questo difetto).

Rispetto al prezzo che abbiamo speso, il prodotto ci ha deluso e lo sconsigliamo. Siamo, peraltro, presi da un dubbio: chissà se Federica Pellegrini, prima di pubblicizzare il Nilox, lo ha davvero provato…

Mp3 da piscina, Nilox di Federica Pellegrini- la nostra opinione

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. ciao…vero quello che dici però io ce l’ho da un anno certo non puoi fare un allenamento agonistico ma quello non si fa con la musica alle orecchie..
    per stare anche due ore a nuotare va assolutamente bene certo con piccoli accorgimenti.
    quando parto metto la testa sott’acqua poco dopo la spinta,lego il conturino alla spallina del costume ( e mi rendo conto che per i maschietti diventa problematico) e l’aggancio alla cuffia si all’inizio è stato difficile ma una volta che lo fai due o tre volte diventa molto facile agganciarlo.
    è vero ogni tanto si spostano gli auricolari ma basta togliere l’acqua dall’orecchio.
    io e i miei amici ne abbiamo diversi tipi e anche loro sostengono che lo swimsonic sia per ora il migliore di tutti…
    non possiamo pretendere prestazioni da impianto surround ovvio è già tanto se riusciamo a nuotare – FINALMENTE- con la musica alle orecchie.
    io lo consiglio per chi ama l’acqua e ha bisogno magari di un incentivo in più per andare la sera dopo il lavoro a rilassarsi.
    per il materassino c’è la bustina impermeabile per l’ipod…consiglio anche quella 🙂

  2. Salve, ho letto l’articolo pubblicato, mi è piaciuto molto leggerlo, mi ha aiutato a capire un pò di cose. Parlando proprio dell’mp3 subacqueo, avrei qualche domanda da farvi. Dovrei regalarlo ad un amico e quindi mi servirebbe qualche consiglio. Innanzitutto che caratteristiche ha un mp3 subacqueo, come funziona? Io ho visto vari modelli di mp3 subacqueo su internet, ma prima di acquistarne uno, voglio capisci meglio. Cosa ne pensate dei diversi modelli della Sony, mi sembrano abbastanza facili da utilizzare. Hanno bisogno di altri supporti, dove si agganciano? Per quanto riguarda la memoria? Da quanti giga conviene prenderlo? Sapete dirmi più o meno i prezzi?

    Grazie in anticipo per i consigli 🙂

  3. Secondo me la fate più tragica di quello che è la realtà!!!
    Io ce lho e lo uso tranquillamente, sei in piscina per nuotare non per guardare il display del mp3, carica la tua playlist, impostala in random ed inizia a nuotare, chiaramente all’inizio devi capire come montarlo sugli occhialetti, ma non mi sembra una procedura così complicata.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI