Diritto e Fisco | Articoli

Alcoltest: il mancato avviso a farsi assistere dal legale va eccepito subito

5 Aprile 2014
Alcoltest: il mancato avviso a farsi assistere dal legale va eccepito subito

Il mancato avviso a farsi assistere dal legale va dedotto primo o poco dopo la prova.

Ha richiamato vivo interesse, qualche giorno fa, la notizia della sentenza del Giudice di Pace di Milano con cui è stato sottolineare un importante principio in materia di contravvenzioni per guida in stato di ebbrezza: la prova con l’alcoltest è nulla se l’agente accertatore non invita l’automobilista, prima della prova stessa, a farsi assistere dal proprio avvocato (leggi l’articolo Alcoltest nullo se non si invita l’automobilista a farsi assistere dall’avvocato).

Oggi, lo stesso principio è stato affermato dall’ultimo grado della magistratura: con ben due sentenze [1], la Cassazione ha confermato il principio che aveva espresso il giudice milanese. È nulla – ribadisce la Corte – la prova con l’alcoltest se l’automobilista non viene avvisato dalla pattuglia che può farsi assistere da un legale.

Tuttavia – precisano ulteriormente i supremi giudici – è necessario che il conducente eccepisca tale nullità prima del compimento del test o subito dopo; diversamente, i risultati possono essere utilizzati contro di lui. Quindi, egli non può ricordarsi della mancata “informativa” solo in giudizio (nel caso deciso dalla Corte, l’eccezione fu contestata solo in grado di appello).

Insomma, chi vuol rendere inutilizzabili, nei propri confronti, i risultati dell’alcoltest deve far notare alla polizia di non essere stato avvisato della facoltà di farsi assistere da un avvocato durante la prova prima del compimento dell’atto o subito dopo [2].


note

[1] Cass. sent. n. 26245/13 e 26242/13 entrambe del 14.06.2013.

[2] Art. 182 comma secondo, Cod. proc. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ma subito dopo cosa significa?…la Corte ha previsto un arco temporale?..non credo che un comune cittadino sia informato di questo suo diritto prima di aver parlato con un’avvocato,quindi almeno il giorno dopo…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube