Diritto e Fisco | Articoli

Tirocini formativi per immigrati: le domande entro il 13 luglio

19 giugno 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 giugno 2013



Il Governo ha stanziato 2.700.000 euro per l’attivazione di tirocini rivolti all’inserimento degli immigrati nel mondo del lavoro: i fondi saranno ripartiti tra gli enti promotori dei tirocini e i tirocinanti stessi, che alla fine del percorso formativo avranno un contratto di lavoro.

Lo scorso 13 giugno ha aperto i battenti il progetto Lift (Lavoro Immigrazione Formazione Tirocini): in questo modo, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso una serie di tirocini formativi, si propone di favorire l’inserimento lavorativo degli immigrati presenti sul territorio nazionale, ad esclusione delle regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, e contrastare lo sfruttamento, il lavoro nero e  l’emarginazione sociale.

I tirocini saranno organizzati da appositi enti promotori, che riceveranno perciò un contributo economico. Per i tirocinanti è prevista invece un’indennità di frequenza e, alla fine del percorso formativo, un contratto di lavoro di almeno sei mesi.

Destinatari

I destinatari dei tirocini sono gli immigrati extracomunitari, con particolare riferimento ai richiedenti e titolari di protezione internazionale (status di rifugiato, protezione sussidiaria, protezione umanitaria) presenti sul territorio nazionale, ad esclusione delle regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Gli enti promotori dei tirocini

Possono partecipare al presente avviso i soggetti privati abilitati all’attivazione di percorsi di tirocinio formativo [1].

Condizioni per l’attivazione dei tirocini

I percorsi dovranno essere realizzati in conformità con la normativa nazionale e regionale di riferimento in materia di tirocini formativi.

L’intera attività dei promotori ha una durata di 18 mesi. Il singolo tirocinio deve avere una durata compresa tra i 3 e i 5 mesi, non potrà superare le 30 ore settimanali e le 6 ore giornaliere. Ciascun tirocinio deve sfociare in una assunzione dell’immigrato, con un contratto della durata minima di 6 mesi;

Ogni soggetto promotore non potrà attivare, anche nell’ambito di più regioni, più di 25 percorsi di tirocinio.

Risorse finanziarie

Le risorse previste per il finanziamento dei percorsi di  inserimento lavorativo sono pari a 2.700,000,00 euro.

Ciascun contributo è stato determinato nella misura massima di € 5.000,00, ripartito in due componenti: un’indennità di frequenza per i tirocinanti e un contributo ai promotori per l’attivazione dei percorsi di tirocinio. Il contributo verrà erogato a condizione che l’ente promotore fornisca ad Italia Lavoro S.p.A. [1] la documentazione attestante l’avvenuto inserimento lavorativo del tirocinante (contratto di almeno 6 mesi).

Sistema informativo

I soggetti ammessi al contributo saranno abilitati all’inserimento dei documenti relativi alle prestazioni erogate ai destinatari delle attività sulla piattaforma informatica dedicata (PLUS) di Italia Lavoro, che provvederà a fornire le credenziali di accesso al sistema.

Termini e modalità di presentazione delle domande

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate ad Italia Lavoro, a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo immigrazionemobilita@pec.italialavoro.it, indicando nell’oggetto “Progetto LIFT” entro e non oltre le ore 13:00 del 13 luglio 2013.

Informazioni

L’avviso e la modulistica sono reperibili all’interno dei seguenti portali: www.lavoro.gov.it  e www.integrazionemigranti.gov.it

Per eventuali richieste di informazioni è chiarimenti, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail lift@italialavoro.it. Le risposte ai quesiti di interesse generale saranno pubblicate sul sito internet www.italialavoro.it

note

[1] Ai sensi dell’art. 1, c. 1,  d.m. 142/1998.

[2] Italia Lavoro S.p.A. è una società totalmente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Opera, per legge, come ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell’occupazione e dell’inclusione sociale.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI