Diritto e Fisco | Articoli

Valida l’assemblea convocata dall’amministratore che non ha accettato l’incarico

5 Agosto 2013
Valida l’assemblea convocata dall’amministratore che non ha accettato l’incarico

L’accettazione dell’incarico da parte dell’amministratore è un elemento eventuale e non necessario al potere di quest’ultimo di convocare l’assemblea.

Non è necessario che l’amministratore accetti formalmente l’incarico conferitogli dal condominio affinché possa compiere gli atti propri del suo ufficio, compresa la convocazione dell’assemblea condominiale. A stabilire questo importante principio è stata una recente ordinanza della Cassazione [1].

La Suprema Corte, nel caso di specie, ha rigettato la richiesta di una donna che aveva contestato la validità di una delibera assembleare essendo stato, il collegio, convocato dall’amministratore che non aveva ancora accettato l’incarico conferitogli dai condomini.

Secondo i giudici della Cassazione, infatti, il mandato in materia di condominio non ha una natura contrattuale e quindi non richiede un’ accettazione del mandatario (l’amministratore). Al contrario, si tratta di una investitura assembleare, che opera automaticamente.

Del resto – argomenta la Corte – se è vero che, in caso di nomina dell’amministratore dichiarata illegittima quest’ultimo ha comunque il potere di convocare l’assemblea (cosiddetto principio della “prorogatio imperii”), a maggior ragione deve essere consentito tale potere all’amministratore alla cui nomina non è seguita immediatamente la sua accettazione.

Il riferimento al mandato in materia condominiale non comporta, quindi, l’applicabilità della norma che fa discendere solo dall’accettazione del mandatario l’operatività della nomina.

L’accettazione dell’incarico da parte dell’amministratore è infatti un elemento eventuale e non necessario al perfezionamento del rapporto con il condominio.


note

[1] Cass. ord. n. 14930 del 14.06.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube