Tech | Articoli

Google glass: ecco i primi divieti

18 Giugno 2013 | Autore:
Google glass: ecco i primi divieti

Negli USA arrivano le prime limitazioni allutilizzo dei Google glass per timori di fughe di dati e violazioni della privacy.

 

Arrivano dagli Stati Uniti i primi divieti all’utilizzo dei Google glass, ultimissima novità della tecnologia che ha già suscitato molti timori per la privacy degli utenti.

I divieti tuttavia hanno poco a che fare con la privacy poiché giungono dai Casinò di alcune città statunitensi, preoccupati della facilità con la quale gli “occhiali” di Google registrano video, fotografano e scambiano informazioni in tempo reale.

Paradossale poi il divieto imposto da Google all’interno dei locali dove si è recentemente svolta l’assemblea degli azionisti: come dire che la stessa azienda “teme” le incontrollabili potenzialità dei propri prodotti.

Queste notizie giungono a pochi giorni dalla relazione al Parlamento del Presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali [1], che ha lanciato un allarme contro il monopolio della gestione dei servizi Internet da parte di poche grandi società e ha informato di aver avviato lo scorso anno alcuni accertamenti proprio nei confronti di Google. Il colosso americano è stato infatti più volte invitato a modificare alcuni aspetti della propria “privacy policy” giudicati non conformi alla normativa italiana ed europea sulla protezione dei dati personali.

Nel prossimo futuro i Google glass invaderanno il mercato mondiale e ad essi si aggiungeranno di certo tante altre novità tecnologiche ancora più rivoluzionarie. Saremo pronti a salvaguardare la nostra privacy con regole certe e strumenti di controllo affidabili o la “fame” di tecnologia ci farà dimenticare ogni timore per la nostra libertà?


note

[1] 11 giugno 2013, www.garanteprivacy.it


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube