Diritto e Fisco | Articoli

Cartella esattoriale di Equitalia nulla se manca la causale delle somme richieste

19 giugno 2013


Cartella esattoriale di Equitalia nulla se manca la causale delle somme richieste

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 giugno 2013



La nullità della cartella si ha anche se il contribuente è di fatto già a conoscenza delle causali del proprio debito col fisco.

È un orientamento giurisprudenziale ormai costante quello ribadito ieri dalla Corte di Cassazione [1]: la cartella esattoriale è nulla se non chiarisce, al suo interno, la specifica causale delle somme pretese dal fisco. E ciò vale anche se il contribuente è perfettamente a conoscenza del proprio debito col fisco.

Difatti, ricorda la Suprema Corte, nel caso di liquidazione di imposta [2], la cartella di Equitalia è l’atto con cui il contribuente viene a conoscenza per la prima volta del proprio debito col fisco; pertanto tale atto deve essere motivato in modo analitico. In altre parole, la cartella di Equitalia deve contenere indicazioni sufficienti per consentire al contribuente l’agevole identificazione della causale delle somme pretese dall’erario: non importa se il cittadino era già di fatto consapevole delle suddette causali.

note

[1] Cass. ord. n. 15188 del 18.06.2013.

[2] Artt. 36 bis del Dpr n. 600/1973 o 54 bis del DPR n. 633/1972.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI