Politica | Articoli

Lotta all’evasione: come il Governo spera di recuperare 7 mld

8 Ottobre 2019
Lotta all’evasione: come il Governo spera di recuperare 7 mld

Il Nadef mette in bilancio 7 mld. E’ lotta all’evasione. 

Il prossimo anno, la lotta all’evasione ficale porterà maggiori entrate. La cifra corrisponde a circa 7 miliardi di euro, che saranno utilizzati per realizzare le nuove misure che il Governo intende introdurre. E’ quanto riportato dalla nostra agenzia di stampa Adnkronos.

Cade così un tabù, che fino allo scorso anno impediva di mettere in bilancio le stime di gettito legate alle somme recuperate grazie all’emersione del sommerso. Nella Nota di aggiornamento al documento di economia e finanza, si legge che ”le risorse per il finanziamento degli interventi previsti dalla manovra di bilancio 2020 saranno assicurate” in parte dalle ”nuove misure di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali, nonché interventi per il recupero del gettito tributario anche attraverso una maggiore diffusione dell’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili”.

Complessivamente, dalle misure pensate dal Governo, saranno trovati poco più di 14 miliardi di euro, di cui circa la metà, cioè lo 0,4% del pil, arriverà proprio dalla voce che in passato era esclusa dall’elenco delle entrate. Fino alla scorsa manovra, non era consentito mettere a copertura di spese certe dei soldi che potrebbero non entrare nelle casse dello Stato. Si riteneva, infatti, troppo difficile stimare con esattezza i risultati che otterranno delle misure ancora da introdurre e, per questo, dagli effetti incerti. La nuova Commissione europea dovrà decidere se promuovere o bocciare la nuova voce.

Sul tema della lotta all’evasione, il segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro ha dichiarato: “Istituire una sorta di carta del contribuente sulla quale registrare, tramite pos, le spese per le quali si potrebbe consentire una parziale/totale detrazione, come accade per esempio in caso di acquisti di farmaci esibendo la tessera sanitaria“.

“Un vero e proprio – spiega – contrasto di interessi, già proposto dalla Cisal nei mesi scorsi, che favorisca, così, l’interesse del cittadino alla fatturazione o emissione di scontrino/ricevuta fiscale“.

L’obiettivo di recuperare circa 7 miliardi dalla lotta all’evasione è ”piuttosto ambizioso, specie se
confrontato con i risultati tradizionalmente ottenuti su tale fronte e difficilmente conseguibile solo attraverso strumenti per favorire il conflitto d’interessi”.

Inoltre, ”come spesso ricordato, sembrerebbe opportuno non fare affidamento su risorse incerte e a volte di natura non permanente ai fini dell’aggiustamento dei conti pubblici”. Lo afferma il presidente dell’Upb, Giuseppe Pisauro, nell’audizione delle commissioni Bilancio di Camera e Senato, impegnate nell’esame del Def. Secondo lo scenario programmatico della Nadef il rapporto tra il debito e il pil dovrebbe seguire, a partire dal 2020, un percorso di stabile e progressiva riduzione che raggiungerebbe il 131,4% nel 2022, oltre 4 punti percentuali di pil in meno rispetto al picco previsto per il 2019 (135,7%). ”Tuttavia, tale dinamica è soggetta a numerosi fattori di rischio”.

”Avendo già validato il quadro tendenziale ovviamente validiamo anche il quadro programmatico” della Nadef. L’Ufficio parlamentare, ricorda Pisauro, ha trasmesso lo scorso 23 settembre la lettera di validazione del quadro macroeconomico tendenziale 2019-2020, che riporta una valutazione positiva circa la plausibilità delle stime del Governo, segnalando tuttavia ”significativi fattori di rischio sulla crescita reale del Pil, qualificabili prevalentemente al ribasso per l’anno 2020”.

Il contesto di ”rallentamento ordinato” dell’attività economica, secondo l’Ufficio parlamentare di bilancio, ”è comunque soggetto a rilevanti e numerosi rischi, il manifestarsi dei quali peserebbe in misura sfavorevole sulla già debole congiuntura internazionale e, quindi, sugli equilibri macroeconomici dell’Italia”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Il governo spera di un recupero dal l’evasione fiscale io ho realizzato una procedura contabile capace di azzerare quasi l’evasione, sto cercando contatti con qualche governante da presentare ma nessuno risponde, avete voi la possibilità di presentare come vostra proposta ?????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube