Diritto e Fisco | Articoli

Come contattare il mio avvocato?

4 Ottobre 2019 | Autore:
Come contattare il mio avvocato?

Quando e perché è necessario contattare il proprio avvocato? Come si possono avere i recapiti del proprio legale?

Frequentemente, le vicissitudini della vita quotidiana ci inducono a contattare un avvocato, poiché questi potrebbe risultare indispensabile per dirimere una controversia che ci assilla. Sono tanti i casi in cui la descritta esigenza diventa impellente: un litigio con un vicino, un danno ricevuto a seguito di un incidente automobilistico oppure una fastidiosa quanto inevitabile questione ereditaria con i propri parenti. In tutte queste ipotesi, il legale, oltre a consigliarci su come sia meglio procedere, diventa un irrinunciabile strumento di risoluzione del nostro problema. Tuttavia, non sempre, i rapporti con questo professionista filano senza alcun contrasto. Non di rado, diventa necessario contattarlo formalmente, poiché c’è urgenza di chiarire una questione in atto col medesimo: pertanto, come posso contattare il mio avvocato?

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai un problema con il tuo legale. Sono mesi, ad esempio, che non ti aggiorna sulla causa che ti sta seguendo. Per questo motivo, vorresti le dovute informazioni, ma, quando provi a chiamarlo allo studio, o non risponde oppure si dichiara costantemente impegnato. Quindi, se ti riconosci nella la situazione descritta oppure in un’altra analoga, potresti porti le seguenti domande? Quando e perché è opportuno contattare il proprio legale? Come posso avere tutti i recapiti del mio avvocato? Con quale modalità è preferibile contattarlo? Posso conoscere, facilmente, la pec del mio procuratore?

Avvocato: perché contattarlo?

L’avvocato come il medico è un soggetto con il quale si instaura un particolare rapporto di fiducia. Si tratta di una conseguenza, quasi, inevitabile, visto che si tratta di un professionista al quale confidi gli eventi personali e a cui ti affidi per la soluzione di problemi spesso fonte di ansia e forte preoccupazione. Per tale ragione, frequentemente, i rapporti col tuo avvocato sono estremamente cordiali ed informali e l’esigenza di contattarlo ed avere notizie dal medesimo si realizza, esclusivamente, mediante una semplice telefonata oppure recandoti presso il suo studio. Potrebbe capitare, invece, che i rapporti col proprio legale si siano complicati per le motivazioni più disparate.

Luca ha dato mandato ad un avvocato, ma senza firmare alcun preventivo. Terminata la causa, gli ha chiesto un onorario molto esoso. Sta cercando di contattarlo per ricevere una corposa riduzione del compenso richiesto, ma l’avvocato si rifiuta di rispondergli al telefono.

Sono passati molti mesi dall’inizio della causa di Mario e il suo avvocato non gli ha fornito alcuna informazione a riguardo. Quando telefona, la segretaria dice sempre che è occupato e non riesce mai a parlarci.

Negli esempi appena riportati, appare chiaro che il normale dialogo col professionista incaricato si è deteriorato. In questi, come in altri casi analoghi, diventa necessario contattare il tuo avvocato in maniera formale. Per farlo, se sei solo in possesso del suo numero di telefono, devi assolutamente avere tutti i suoi recapiti, compresa la mail certificata del medesimo. Pertanto, come puoi avere tutti i recapiti del tuo avvocato?

Avvocato: come avere i suoi recapiti?

Nella cosiddetta era digitale, puoi trovare facilmente la risposta alla tua domanda. Mediante il web, infatti, è possibile ricercare tutti i recapiti del tuo avvocato, semplicemente consultando la pagina del Consiglio Nazionale Forense. Quest’ultimo, infatti, è in possesso di tutte le informazioni contenute nell’albo degli avvocati distribuiti sull’intero territorio nazionale.

Nella pagina principale di questo sito, dovresti trovare la voce “avvocati”, cliccandola si aprirà un’altra pagina, dove sarà possibile ottenere tutte le informazioni di cui hai bisogno. Infatti, inserendo il nome e il cognome del professionista e seguendo le ulteriori istruzioni, ti apparirà una schermata coi risultati della ricerca e tutti i recapiti del tuo avvocato. Tra questi anche la posta elettronica certificata e, con buona probabilità, persino il numero di cellulare del legale in questione. A questo punto, non ti resterà che contattarlo formalmente, utilizzando le informazioni appena ricevute.

Avvocato: come contattarlo?

Nel paragrafo precedente, hai potuto apprendere come, facilmente, sia possibile reperire tutti i recapiti del tuo avvocato. Pertanto, una volta che sarai in possesso di queste informazioni, non dovrai che procedere per contattare formalmente il tuo legale. Per farlo, le modalità da utilizzare sono essenzialmente due:

  • il servizio postale tradizionale. L’invio di una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno è, indiscutibilmente, il metodo più conosciuto con il quale è possibile contattare un soggetto, compreso il proprio avvocato. Dovrai, soltanto, inviare la lettera all’indirizzo ricavato dall’albo e, quindi, attendere con fiducia di ricevere il dovuto riscontro;
  • la mail certificata. In questo caso, la corrispondenza è inviata tramite mail, ma non quella ordinaria, bensì per il tramite della propria posta elettronica certificata (cosiddetta pec). Se ne sei possesso, potrai sicuramente utilizzarla per contattare il tuo avvocato, indirizzando le tue richieste verso la pec del predetto professionista. Ricordati che con questo mezzo la tua comunicazione avrà lo stesso valore probatorio della lettera postale raccomandata con ricevuta di ritorno.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA