Diritto e Fisco | Articoli

Affittare una casa a un cinese (clandestino): reato?

20 Giugno 2013 | Autore:
Affittare una casa a un cinese (clandestino): reato?

La locazione di un appartamento a un immigrato clandestino non è reato, salvo che il proprietario dell’immobile approfitti della situazione per chiedere un canone esorbitante.

Dare in locazione un appartamento a un immigrato privo del permesso di soggiorno non costituisce reato. Lo ha stabilito la Cassazione in una recente sentenza [1].

Sebbene la legge [2] punisca chi ospiti (o dia in locazione) un immobile a un immigrato clandestino [3], la Suprema Corte ha tuttavia precisato che tale reato scatta solo quando il proprietario dell’appartamento si approfitti della irregolarità dello straniero nel nostro Paese per chiedergli un prezzo di affitto esorbitante: ciò infatti realizza, per il locatore, un ingiusto profitto (che è ciò che la legge vuole evitare).

Lo straniero privo di permesso di soggiorno è generalmente disposto a tutto pur di rimanere in Italia, anche a pagare un canone di locazione più elevato rispetto ai normali valori di mercato. Spesso lo fa versando somme in contanti e all’oscuro di quelli che sono i prezzi praticati nel settore. Il padrone di casa, dal canto suo, senza farsi tante domande sulla provenienza del denaro e sul metodo di pagamento, si trova a volte ad approfittare della situazione, chiedendo affitti di gran lunga superiori a quanto avrebbe chiesto a un cittadino italiano.

Ebbene, in questi casi, si realizza il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. A tal fine, infatti, non è sufficiente che il locatore affitti un appartamento a stranieri irregolari; è necessario, invece, che egli intenda sfruttare l’assenza del permesso di soggiorno a proprio vantaggio, chiedendo un affitto molto più alto rispetto al normale [4].


note

[1] Cass. sent. n. 26457 del 18.06.2013.

[2] T.U. immigrazione, art. 12, c. 5 bis.

[3] Con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e la confisca dell’appartamento.

[4] Anche Cass. sent. n. 46070 del 23.10.2003.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube