Politica | News

Il Governo aumenta la spesa pubblica: deficit in aumento

5 Ottobre 2019
Il Governo aumenta la spesa pubblica: deficit in aumento

Secondo l’analisi di Unimpresa, le uscite tra il 2020 e il 2022 supereranno di 42 miliardi di euro quelle del 2019.

Niente spending review sui conti pubblici. La spesa statale crescerà progressivamente nei prossimi tre anni: tra il 2020 e il 2022, quando le uscite sfonderanno il muro dei 900 miliardi, dalle casse del Tesoro usciranno, in tutto, 42 miliardi di euro in più rispetto al 2019. Salirà di 28 miliardi (+10%) la spesa
per le pensioni e di oltre 5 miliardi (+7%) quella per le prestazioni sociali, di 4 miliardi (+2%) quella per gli stipendi dei dipendenti pubblici, di quasi 6 miliardi (+4%) l’esborso per forniture e servizi.

Questi i dati principali dell’operazione fact checking realizzata dal Centro studi di Unimpresa sulla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza approvato il 30 settembre dal Consiglio dei ministri, secondo la quale calerà la spesa per interessi sul debito creando un tesoretto di 5,1 miliardi (-8%) e la sanità subirà un aumento di oltre 5 miliardi (+4%).

“La spesa pubblica andrebbe tagliata seriamente: dalla lotta agli sprechi, che continuano a pesare sulla fiscalità generale, possono essere trovate le risorse per ridurre il peso delle tasse sulle famiglie e sulle imprese”, commenta il vicepresidente di Unimpresa, Andrea D’Angelo. “Se non si interviene seriamente, i conti dello Stato resteranno in costante squilibrio finanziario e non si riusciranno mai a trovare le risorse per tagliare le tasse che deve restare la priorità di questo Governo e di quelli futuri”, aggiunge il vicepresidente di Unimpresa.

Secondo l’analisi del Centro studi di Unimpresa, realizzata sulla base della Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza del 30 settembre scorso, il totale delle uscite si attesterà a 882,5 miliardi nel 2020, a 899,4 miliardi nel 2021 e a 909,4 miliardi nel 2022. Complessivamente, rispetto al 2019, quando il bilancio si è chiuso con uscite pari a 867,2 miliardi, ci sarà un incremento della spesa di 42,1 miliardi (+4,94%).

Saliranno le uscite correnti per complessivi 39,3 miliardi (+4,95%) e subirà, invece, un decremento, creando una sorta di tesoretto, la spesa per il servizio del debito pubblico (interessi passivi) pari a meno 5,1 miliardi (-7,96%). In lieve crescita, invece, la spesa in conto capitale ovvero la voce che riguarda gli investimenti pubblici, specie quelli in infrastrutture e grandi opere: lo Stato spenderà poco e ci sarà un leggero aumento di 2,8 miliardi (+4,82%).

Le uscite correnti saliranno di 39,3 miliardi (+4,95%): dagli 807,8 miliardi del 2019 si arriverà progressivamente agli 847,1 miliardi del 2022: in salita la voce degli stipendi dei dipendenti pubblici: dai
171,9 miliardi del 2019 ai 175,8 miliardi del 2022 con in incremento complessivo, nel quadriennio in esame, di 3,9 miliardi (+2,30%). Quanto alla spesa per forniture e servizi, l’aumento sarà di 5,8 miliardi (+4,09%) da 146,9 miliardi a 142,8 miliardi.

Per quanto riguarda il welfare, è prevista una salita della spesa per le pensioni di 28,1 miliardi (+10,43%) e di 5,4 miliardi (+6,77%) per le prestazioni sociali. Salirà anche la spesa sanitaria che nel 2019 si attesterà a quota 118,5 miliardi: nel 2020 arriverà a 120,5 miliardi, nel 2021 a 122,1 miliardi, nel 2022 a 123,6 miliardi per un incremento totale di 5,1 miliardi (+4,45%).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube