Diritto e Fisco | Articoli

L’aumento dell’IVA e le nostre vacanze: turismo ko? Ogni 4 euro, 1 è evasione

20 Giugno 2013
L’aumento dell’IVA e le nostre vacanze: turismo ko? Ogni 4 euro, 1 è evasione

L’aumento dell’IVA, proprio in occasione dei mesi estivi, potrebbe compromettere il già statico settore del turismo italiano: il Governo studia l’ipotesi di un rinvio.

Mancano solo dieci giorni alla scadenza del primo luglio, data entro cui dovrebbe scattare l’aumento dell’Iva al 22%.

Il Governo sta facendo tutto il possibile – sostiene il Ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato – per evitare un ulteriore aumento della pressione fiscale a carico dei consumatori finali (tale è, infatti, il meccanismo dell’imposta sul valore aggiunto che si riversa ineluttabilmente sui consumi).

Tra le soluzioni al vaglio dell’esecutivo, si sta facendo strada – anche perché la meno onerosa per le casse pubbliche – quella di un mini-rinvio di tre mesi che potrebbe arrivare al Consiglio dei Ministri di martedì o mercoledì prossimo, insieme alle misure per favorire l’occupazione giovanile.

Lo slittamento dell’aumento dell’Iva di tre mesi costerebbe allo Stato poco più di un miliardo di euro, ma eviterebbe di appesantire la già statica l’economia del turismo legata ai mesi estivi.

Evitare, infatti, l’aumento – anche di un solo punto percentuale – dell’imposta sul valore aggiunto significa non pregiudicare le spese dei contribuenti in un periodo, invece, in cui molte aziende puntano il tutto per tutto.

Intanto, la Corte dei conti ha stimato in 46 miliardi di euro l’evasione Iva, con una sottrazione di base imponibile di 250 miliardi, pari al 27% del Pil. In sostanza, ogni 4 euro di Iva dovuta all’erario, uno sparisce. La forte evasione è dovuta anche all’eccessiva pressione fiscale che per la magistratura contabile è al 53%.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube