Politica | News

Tra 25 giorni addio definitivo dell’Uk dall’Ue

6 Ottobre 2019
Tra 25 giorni addio definitivo dell’Uk dall’Ue

La Gran Bretagna lascerà l’Unione europea, con o senza accordo.

“Dopo decenni di campagne, tre anni di discussioni e mesi di rinvii senza senso, mancano ormai 25 giorni al momento in cui l’appartenenza del Regno Unito all’Ue giungera’ al termine. Il 31 ottobre faremo le valigie e ce ne andremo. Ora si tratta solo di vedere se Bruxelles ci salutera’ con un accordo gradito da entrambe le parti o se saremo costretti ad andarcene per conto nostro”. Lo scrive il premier britannico Boris Johnson in un articolo sul ‘Sunday express’, come riporta la nostra agenzia stampa Adnkronos.

“Sono stato chiaro fin dall’inizio – sottolinea – mentre è prudente prepararsi alla possibilità del no deal, sarebbe meglio per tutti raggiungere un accordo accettabile per entrambe le parti. Questa settimana avanzeremo le nostre idee perché ciò avvenga”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sta esplorando la possibilità che l’Ungheria metta il veto all’estensione della scadenza della Brexit, nel caso il suo governo sia costretto a richiederla in virtù del “Benn act” approvato in Parlamento a settembre. Lo scrive il Daily Telegraph, giornale vicino
al governo conservatore di Londra. A quanto si legge sul quotidiano, tre ministri britannici hanno avuto giovedì incontri separati con il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto. Viene anche citato un anonimo ministro, che avrebbe detto venerdì sera che il veto “è l’unico modo” per aggirare l’obbligo di chiedere l’estensione della Brexit.

Il Benn act approvato a Westminster obbliga il governo a chiedere un’estensione della scadenza della Brexit se entro il 19 ottobre non sarà trovato un accordo con Bruxelles sulle modalità di uscita dall’Ue. Un documento del governo mostrato in un tribunale scozzese, dove si dibatte un ricorso contro Johnson, ha assicurato venerdì che l’esecutivo rispetterà la legge. Tuttavia Johnson continua a ribadire che la Gran Bretagna uscirà in ogni caso dall’Ue il 31 ottobre, con o senza accordo. La chiave potrebbe quindi essere il veto di uno dei paesi Ue, in questo caso l’Ungheria, che respinga la richiesta di estensione della scadenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube