Politica | News

Nuova legge elettorale: la proposta della maggioranza

7 Ottobre 2019
Nuova legge elettorale: la proposta della maggioranza

Alla vigilia del voto dell’Aula della Camera sul taglio dei parlamentari, viene siglato un accordo sulla nuova legge elettorale.

La proposta della maggioranza per una nuova legge elettorale verrà presentata entro fine anno, ovvero entro il mese di dicembre. E’ questo il primo punto messo nero su bianco sul testo sottoscritto dalle forze di maggioranza sulle riforme. “I capigruppo di maggioranza assumono i seguenti impegni comuni, che offrono al dialogo con le forze di opposizione”, si legge nel documento che indica come primo punto proprio il restyling della legge elettorale, nella nota che riceviamo dalla nostra agenzia stampa Adnkronos.

“La riduzione del numero dei parlamentari incide sul funzionamento delle leggi elettorali di Camera e Senato – si legge nel testo – aggravandone alcuni aspetti problematici, con riguardo alla rappresentanza sia delle forze politiche sia delle diverse comunità territoriali. Conseguentemente, ci impegniamo a presentare entro il mese di dicembre un progetto di nuova legge elettorale per Camera e Senato al fine di garantire più efficacemente il pluralismo politico e territoriale, la parità di genere e il rigoroso rispetto dei principi della giurisprudenza della Corte costituzionale in materia elettorale e di tutela delle minoranze linguistiche”.

“Ci impegniamo ad avviare entro dicembre un percorso che coinvolga tutte le forze politiche di maggioranza, aperto al contributo dei costituzionalisti e della società civile, volto anche a definire possibili interventi costituzionali, tra cui quelli relativi alla struttura del rapporto fiduciario tra le Camere e il Governo e alla valorizzazione delle Camere e delle Regioni per un’attuazione ordinata e tempestiva dell’autonomia differenziata”. E’ quanto si legge nell’ultimo punto del documento della maggioranza che sancisce la ‘stretta di mano’ sulle riforme.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube