Business | Articoli

Commercialisti: la smentita di Gualtieri sul Daspo

8 Ottobre 2019
Commercialisti: la smentita di Gualtieri sul Daspo
Il Consiglio nazionale dei commercialisti ed i sindacati indicano il loro intento comune in una nota congiunta.

A seguito dello sciopero dei giorni scorsi dei commercialisti italiani, una delegazione del Consiglio nazionale dei commercialisti ha presentato, oggi, un articolato pacchetto di proposte di cui abbiamo parlato nel nostro articolo Revisione Isa: le proposte dei commercialisti.

In una riunione svoltasi oggi a Roma, il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani, e le associazioni sindacali della categoria (Adc – Aidc – Anc – Andoc – Fiddoc – Sic – Unagraco – Ungdcec- Unico), in una nota congiunta, hanno sottolineato che “La smentita del ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri sulla strampalata e volutamente offensiva idea del ‘Daspo’ per i commercialisti mette la parola fine alle voci surreali che sono state alimentate negli ultimi giorni. Ringraziamo il ministro, così come i numerosi esponenti politici di maggioranza e di opposizione che in questi giorni hanno preso una posizione netta contro questa sciocchezza”.

Al centro dell’incontro tra Consiglio nazionale e associazioni, c’è la volontà di affrontare in maniera unitaria e con incontri periodici i prossimi passaggi relativi alla situazione di difficoltà che ha indotto la categoria alla prima astensione collettiva, che proprio oggi si conclude, proclamata in seguito alle molteplici difficoltà legate all’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) e non solo.

Intento comune di Consiglio nazionale e sindacati, si legge nella nota congiunta, “è quello di lavorare a proposte comuni con spirito unitario. Con questo spirito affronteremo il dialogo con il ministero dell’Economia. Prendiamo atto favorevolmente di quanto ancora oggi affermato dal ministro Gualtieri, che ha parlato di un rapporto proficuo con i commercialisti sulla questione Isa“.

Dopo il rifiuto della politica di renderli facoltativi per quest’anno, sottolinea, “ci auguriamo vivamente che ci sia spazio per ridurre al minimo gli enormi disagi che la loro applicazione sta determinando. A questo obiettivo, Consiglio nazionale e sindacati, lavoreranno assieme con proposte concrete e praticabili, come quelle già illustrate nei giorni scorsi negli incontri avuti al Mef”.

La categoria, prosegue la nota, “è del resto da tempo impegnata sul fronte delle semplificazioni fiscali. A tal proposito, i sindacati approvano e condividono il pacchetto di semplificazioni messo a punto dallo stesso Consiglio nazionale con Confindustria, che domani sarà ufficialmente presentato alla Camera”.

Dal canto loro, i sindacati sottolineano come l’astensione da loro indetta, “la prima messa in atto dalla categoria con questa modalità, ha rappresentato un successo sia sul piano dell’adesione dei colleghi, che è stata ampia e partecipata, sia in termini di attenzione da parte degli organi di informazione. Le associazioni promotrici pensano già alle future iniziative da mettere in campo, senza escludere la programmazione di una nuova astensione, considerate le tante criticità che continuano a sussistere. Abbiamo dimostrato di non accettare più di subire passivamente decisioni che sono lesive del ruolo e della professionalità della categoria, che è capace di agire con compattezza per rivendicare il rispetto dei propri diritti e di quelli dei cittadini contribuenti”.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA