Business | Articoli

Bonus assunzione giovani under 35

28 Luglio 2018 | Autore:
Bonus assunzione giovani under 35

Confermato l’esonero contributivo del 50% per chi assume giovani sino a 34 anni: chi ha diritto allo sgravio, durata, requisiti.

Confermato, anche per il 2019 e 2020, il bonus occupazione giovani, conosciuto anche come incentivo assunzione under 35: questa misura, operativa dal 2018, consiste in un’agevolazione che consente di ridurre i contributi a carico dell’azienda pagati all’Inps, per le nuove assunzioni a tempo indeterminato. Il beneficio, riconosciuto per un periodo massimo di 36 mesi a partire dalla data di assunzione, consiste nell’esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nel limite massimo di 3mila euro annui per lavoratore assunto. Dal 2019, l’agevolazione avrebbe dovuto riguardare soltanto i giovani sino ai 29 anni di età: grazie al decreto Dignità, invece, l’incentivo è stato ampliato, sino al 2020, all’assunzione dei giovani che non abbiano ancora compiuto 35 anni. Facciamo allora il punto della situazione sul bonus assunzione giovani under 35: che cos’è, come funziona, a chi spetta, quali datori di lavoro possono richiederlo, come si calcola, quanto dura, adempimenti.

Come funziona il bonus assunzione giovani under 35?

L’incentivo, della durata complessiva di 36 mesi, consente una riduzione dei contributi dovuti dal datore di lavoro parziale, pari al 50%, nel limite massimo di 3mila euro annui per lavoratore assunto.

La soglia massima di esonero contributivo fruibile per ogni mese di rapporto è, pertanto, riferita al periodo di paga mensile ed è pari a 250 euro (3.000/12). Per rapporti di lavoro instaurati o risolti nel corso del mese, la soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di 8,06 euro (250/31 giorni) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

Su quali contributi si applica il bonus assunzione giovani under 35?

Sono esclusi dalla contribuzione cui si applica l’esonero:

  • i premi e i contributi dovuti all’Inail;
  • il contributo al fondo per l’erogazione del Tfr;
  • i contributi ai fondi di solidarietà;
  • i contributi che non hanno natura previdenziale e quelli di solidarietà alle gestioni previdenziali di riferimento:
    • per la garanzia sul finanziamento del Tfr in busta paga;
    • destinati al finanziamento dei fondi interprofessionali per la formazione continua;
    • contributi di solidarietà sui versamenti destinati alla previdenza complementare o ai fondi di assistenza sanitaria;
    • contributi di solidarietà per i lavoratori dello spettacolo e per gli sportivi professionisti.

Quali contratti beneficiano del bonus assunzione giovani under 35?

L’esonero contributivo è riconosciuto ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1º gennaio2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti. L’incentivo non si applica ai contratti di apprendistato, ai contratti di lavoro domestico e intermittenti. L’esonero si applica, invece, alle trasformazioni di contratti a termine in contratti a tempo indeterminato.

Quali lavoratori beneficiano del bonus assunzione giovani under 35?

L’esonero si applica se i lavoratori assunti o trasformati a tempo indeterminato sono:

  • giovani che non hanno compiuto 30 anni e non sono stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con un altro datore di lavoro, salvo il caso della trasformazione a tempo indeterminato del contratto e la possibilità di fruire dell’esonero residuo, nell’ipotesi di assunzione da parte di un nuovo datore di lavoro successiva alla prima assunzione agevolata;
  • giovani che non hanno compiuto i 35 anni (alle medesime condizioni appena osservate), per le assunzioni sino al 31 dicembre 2020.

Non impediscono il riconoscimento dell’esonero gli eventuali periodi di apprendistato svolti presso un altro datore di lavoro e non proseguiti in rapporto a tempo indeterminato.

L’agevolazione non spetta in presenza di un precedente rapporto di lavoro a tempo indeterminato all’estero.

Per agevolare le verifiche sul possesso dei requisiti, l’Inps ha realizzato un’apposita applicazione, fruibile dal sito internet dell’istituto, attraverso la quale è possibile sapere se il lavoratore ha già avuto rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

Quali datori di lavoro beneficiano del bonus assunzione giovani under 35?

Per poter beneficiare dell’esonero contributivo, il datore di lavoro deve:

  • operare nel settore privato;
  • non aver effettuato, nei 6 mesi precedenti l’assunzione, licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo o licenziamenti collettivi nella medesima unità produttiva.

Il beneficio è rivolto a tutti i datori di lavoro che operano in ogni settore economico, le cui unità produttive siano localizzate in qualsiasi area del territorio nazionale. La disciplina dell’esonero non è soggetta ai limiti previsti in materia di aiuti di stato.

Il bonus assunzione giovani under 35 si può trasferire?

Nelle ipotesi in cui il lavoratore, per la cui assunzione a tempo indeterminato è stato parzialmente fruito l’esonero, sia nuovamente assunto a tempo indeterminato da altri datori di lavoro privati, è riconosciuto il beneficio residuo spettante: in pratica, il bonus assunzione funziona come una “dote” in capo al lavoratore.

L’incentivo segue il lavoratore indipendentemente dalla sua età alla data della nuova assunzione.

Il bonus assunzione giovani under 35 si può fruire per i contratti di apprendistato?

L’esonero contributivo del 50% si applica, per un periodo massimo di 12 mesi, fermo restando il limite massimo d’importo pari a 3mila euro su base annua, anche nei casi di prosecuzione, successiva al 31 dicembre 2017, di un contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato. In questi casi, il bonus può essere fruito se il lavoratore non ha compiuto 30 anni alla data della prosecuzione.

L’esonero per gli apprendisti è applicato a decorrere dal primo mese successivo a quello di scadenza dei benefici contributivi del contratto di apprendistato.

Il bonus assunzione giovani under 35 si può cumulare con altre agevolazioni?

L’incentivo è incumulabile con altri esoneri o riduzioni contributive, ma è cumulabile con gli incentivi di natura economica, come ad esempio quelli previsti in caso di assunzione dei lavoratori disabili o di beneficiari del trattamento Naspi.

Il bonus assunzione giovani alternanza scuola-lavoro

L’esonero si applica nella misura del 100%, fermo restante il limite di 3mila euro annui e il requisito anagrafico, ai datori di lavoro che assumono, con contratto subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo:

  • studenti che hanno svolto presso lo stesso datore attività di alternanza scuola-lavoro, pari almeno al 30% delle ore di alternanza previste;
  • studenti che hanno svolto, presso lo stesso datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

Quando si perde il bonus assunzione under 35?

Il bonus è revocato, nei 6 mesi successivi all’assunzione, per:

  • il licenziamento per giustificato motivo oggettivo del lavoratore assunto;
  • il licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un lavoratore impiegato nella stessa unità produttiva e inquadrato con la medesima qualifica del lavoratore assunto con l’esonero.

Ai fini del computo del periodo residuo utile alla fruizione dell’esonero, la revoca non ha effetti nei confronti degli altri datori di lavoro privati che assumono il lavoratore beneficiando del bonus rimanente.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube