Politica | News

Venti di scissione nel M5S

9 Ottobre 2019
Venti di scissione nel M5S

Si aprono le candidature per chi vuole entrare nel Movimento e raggiungere ruoli sia nazionali che regionali. 

Si parla da più tempo di scissioni all’interno del M5S. Molti grillini hanno digerito male l’intesa tra il MoVimento e il PD. La stessa Lega, per voce di Salvini, aveva diffuso, qualche giorno fa, la notizia della trattativa in corso, da parte di alcuni parlamentari aderenti al M5S, per entrare nei gruppi del Carroccio. Quanto sono attendibili questi presunti venti di scissione?

«Non temo» scissioni nel Movimento 5 stelle, ha affermato il leader Luigi Di Maio, ospite di ‘Radio anch’io’ su Radiouno Rai.

«È un po’ strano -ha aggiunto Di Maio- che da quando c’è stata una scissione, quella del Pd che ha creato il nuovo partito di Renzi, molti giornali parlano di una scissione all’interno del Movimento. Sono convinto che il Movimento negli ultimi dieci anni sia sempre stato un movimento in cui si è discusso anche in maniera molto forte al proprio interno»

«Siamo una forza politica che è nata mettendo insieme persone disilluse dalla destra, dalla sinistra e persone che non si sono mai riconosciute nella destra e nella sinistra. E’ normale che quando si va in una direzione con il movimento soprattutto di governo al proprio interno ci siano anche delle discussioni accese».

«Adesso sabato e domenica abbiamo alla Mostra d’Oltremare ‘Italia Cinquestelle’, che è il nostro grande evento nazionale dove possono venire tutti i cittadini e lì -conclude Di Maio- lancerò la nuova organizzazione del Movimento con le candidature per chi vuole raggiungere i ruoli sia nazionali che regionali, perchè non è possibile che una forza di governo come il Movimento non abbia dei referenti».

«Noi passiamo da un’organizzazione in cui c’è solo il capo politico fino a 100 persone che organizzeranno e gestiranno il Movimento su tutto il territorio nazionale» ha proseguito il ministro degli Esteri Di Maio. «Io sono stato eletto capo politico del Movimento due anni fa, la mia carica dura cinque anni, quindi tra tre anni si deciderà quale sarà il futuro del capo politico del Movimento. Ma allo stesso tempo sono d’accordo con tutti quelli che dicono internamente che le responsabilità vanno divise, ma io non vedo l’ora».


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA