Il Risperdal fa male: un uomo vince la causa contro la casa farmaceutica

9 Ottobre 2019
Il Risperdal fa male: un uomo vince la causa contro la casa farmaceutica

L’antipsicotico fa crescere il seno agli uomini: ecco gli effetti indesiderati di un farmaco molto popolare. 

È un antipsicotico molto popolare: si tratta del Risperdal, oggi però al banco degli indagati per le complicanze che esso comporta. Nuovi guai dunque per Johnson & Johnson in Usa: l’azienda dovrà pagare 8 miliardi di dollari di danni a un uomo che, dopo aver usato il farmaco antipsicotico Risperdal* da bambino, ha sviluppato una ginecomastia (crescita anomala del seno). L’azienda è accusata di essere stata consapevole dei rischi, ma di non aver messo in guardia medici e pazienti. A fare causa a J&J Nicholas Murray, 26 anni, che in precedenza aveva ottenuto 680.000 dollari di risarcimento dalla Corte di Philadelphia.

Il giovane, riferisce la stampa Usa, ha detto che il problema si è manifestato dopo aver iniziato a prendere il medicinale nel 2003, in seguito a una diagnosi di disordine dello spettro autistico. In una dichiarazione rilasciata alla Cnn, Johnson & Johnson – che ha presentato ricorso – ha definito la somma “grossolanamente sproporzionata rispetto alla compensazione iniziale in questo caso”, dicendosi sicura che la decisione “verrà ribaltata”. Il caso è solo il primo di migliaia di procedimenti in Pennsylvania su potenziali danni legati a questo farmaco, approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti nel 1993. Per J&J il “Risperdal è un farmaco sicuro ed efficace, che ha aiutato milioni di persone a vivere una vita migliore per oltre due decenni”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube