Diritto e Fisco | Articoli

Il creditore non è obbligato a chiedere la cancellazione dell’ipoteca

19 Agosto 2013 | Autore:
Il creditore non è obbligato a chiedere la cancellazione dell’ipoteca

Il creditore che ha ricevuto il pagamento del debito non ha l’obbligo di chiedere la cancellazione dell’ipoteca, bensì di concedere il consenso alla cancellazione medesima. 

Il creditore, che ha ricevuto in ritardo il pagamento di quanto dovutogli non è obbligato a presentare la richiesta di cancellazione dell’ipoteca che egli stesso aveva acceso sull’immobile del debitore moroso.

Lo ha stabilito la Cassazione in una recente sentenza [1]. La Suprema Corte ha precisato che il creditore è tenuto a manifestare il proprio consenso alla cancellazione [2] qualora abbia ricevuto l’intero pagamento della somma di denaro cui ha diritto, non è tenuto anche a inoltrare la richiesta di cancellazione medesima; quest’onere spetta al proprietario dell’immobile ipotecato e, più in generale, a chiunque vi abbia interesse.

Nel caso di specie, una signora lamentava la mancata collaborazione del creditore nella cancellazione dell’ipoteca. Il rifiuto del consenso alla cancellazione era tuttavia supportato da un motivo legittimo: il debito non era stato pagato totalmente. In presenza di un saldo parziale, il creditore ha la facoltà (e non l’obbligo) di negare il consenso alla cancellazione; può, in ogni caso, decidere di dare il via libera all’eliminazione dei pesi sull’immobile, perdendo così la garanzia di un integrale adempimento del debitore.


È il debitore che deve attivarsi e sostenere le spese per la cancellazione dell’ipoteca che il creditore ha acceso sui suoi beni. Il creditore è tenuto solo a prestare il proprio consenso, avendo ricevuto il corretto e integrale adempimento.

note

[1] Cass. sent. n. 15435 del 20.06.2013.

[2] Art. 2882 cod. civ., c. 2.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube