Diritto e Fisco | Articoli

È legale fare due compiti in classe lo stesso giorno?

11 Ottobre 2019 | Autore:
È legale fare due compiti in classe lo stesso giorno?

Lo Statuto degli studenti consente due verifiche nello stesso giorno? Come difendersi dalle troppe prove scolastiche? Quando rivolgersi al preside?

Ogni età ha i suoi problemi: quella adolescenziale ha come maggior preoccupazione dover affrontare, quasi quotidianamente, interrogazioni e compiti in classe. Chi non è più tra i banchi di scuola forse ha dimenticato l’enorme stress derivante dal dover costantemente essere messi alla prova dai professori, tra verifiche a sorpresa, test, quiz e interrogazioni non programmate. Una vera e propria corsa ad ostacoli, insomma. Navigando in rete, è emersa con prepotenza una domanda che costantemente si pongono i ragazzi: è legale fare due compiti in classe lo stesso giorno?

Affrontare due verifiche nella stessa mattinata comporta il rischio di subire un calo del rendimento, figlio della fisiologica flessione della concentrazione quando si è sotto tensione a lungo. Inoltre, chi deve prepararsi il giorno precedente per sostenere due verifiche potrebbe non avere tutto il tempo necessario per poter studiare al meglio. Insomma: è legale fare due compiti in classe lo stesso giorno? Scopriamolo insieme.

Si possono fare due verifiche scolastiche lo stesso giorno?

Cominciamo subito col dire che non esiste una norma di legge che proibisce ai professori di fissare due compiti in classe nello stesso giorno: pertanto, seppur si tratti di una pratica sconveniente per il profitto scolastico degli studenti, non è illecito fissare due compiti in classe nello stesso giorno. Le verifiche, dunque, non potranno essere annullate. Ciò non significa, però, che non sia possibile fare nulla per “difendersi” da una giornata fatta di troppi compiti in classe.

Statuto degli studenti: cos’è e cosa stabilisce?

Sebbene nessuna legge faccia divieto di fissare due compiti in classe nello stesso giorno, davanti a un’ondata di verifiche in classe ci si può difendere chiedendo ai professori di meglio modulare la somministrazione delle prove in questione.

In Italia, esiste un provvedimento che definisce lo statuto delle studentesse e degli studenti delle scuole secondarie. Secondo questo statuto, lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola; i dirigenti scolastici e i docenti, con le modalità previste dal regolamento di istituto, attivano con gli studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico [1].

In pratica, è preciso diritto degli studenti (nello specifico, di quelli iscritti alle scuole secondarie, cioè alle scuole superiori) chiedere ai professori che l’attività scolastica venga svolta tenendo conto anche delle loro esigenze didattiche, al fine di poter ottenere una valutazione equa del proprio rendimento e di contrastare le pratiche che possano pregiudicare il profitto scolastico.

In buona sostanza, tutto ciò significa che, seppur non esiste una norma che impedisce tassativamente a docenti differenti di fissare lo stesso giorno due compiti in classe, lo statuto degli studenti riconosce la possibilità agli alunni delle superiori di poter instaurare un dialogo con i professori al fine di indirizzare le modalità di svolgimento (tra le quali rientrano senz’altro anche i giorni in cui sostenere le prove) dei compiti in classe.

Come difendersi da troppi compiti in classe?

Lo studente afflitto dai troppi compiti in classe fissati tutti nello stesso giorno può, pertanto, tempestivamente sollevare la questione presso i professori che hanno stabilito le verifiche. Com’è noto, negli istituti superiori esiste un rappresentante di classe: pertanto, quest’ultimo potrà farsi portavoce dell’esigenza dell’intera aula.

Come più volte ricordato, gli insegnanti non sono obbligati a prestare ascolto alle doglianze degli alunni e, non esistendo un divieto esplicito di fissare più di un compito in classe al giorno, l’istanza degli studenti potrebbe non essere accolta, soprattutto se non sorretta da un’idonea giustificazione didattica.

Al contrario, potrebbe essere presa in considerazione la richiesta di differimento della prova in classe nel caso in cui sia possibile sostenerla a pochi giorni di distanza, senza alcun pregiudizio per le esigenze didattiche.

Contro il rifiuto dei professori che hanno fissato i compiti in classe nello stesso giorno ci si può appellare al dirigente d’istituto, cioè al preside: questi potrebbe accogliere la richiesta degli studenti e suggerire agli insegnanti di rivedere la data della verifica, sempre nel rispetto delle concrete esigenze didattiche e del regolamento d’istituto.

Il regolamento d’istituto può vietare due compiti lo stesso giorno?

Infine, va precisato che il regolamento dell’istituto scolastico potrebbe anche prevedere un esplicito divieto di fissazione di più di un compito in classe nello stesso giorno.

Il regolamento, votato dal Consiglio d’istituto, costituisce l’insieme delle regole che un istituto scolastico si dà, nell’ambito della propria autonomia, per garantire il corretto funzionamento della scuola, nel rispetto dei diritti e dei doveri di tutte le sue componenti, ossia gli studenti, le famiglie, i docenti, il dirigente scolastico e il personale non docente.

Il regolamento d’istituto non può, ovviamente, derogare le norme di legge, né quelle previste all’interno dello statuto degli studenti; ciò significa che, nel rispetto di queste normative superiori, il regolamento d’istituto potrebbe anche stabilire il divieto di fissare due compiti in classe lo stesso giorno.

In un’ipotesi del genere, le verifiche che si sono tenute in violazione di questo precetto potrebbero essere invalidate, cioè ritenute nulle ai fini della valutazione del profitto scolastico dei ragazzi.


note

[1] Art. 2, quarto comma, D.p.r. n. 249/1998.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buongiorno, ho sentito dire che non sarebbe consentito organizzare due esami o verifiche di materie diverse per il recupero dei debiti scolastici nella stessa giornata. Sapete se esiste un regolamento in merito?
    Grazie anticipatamente per la risposta

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube