Politica | Articoli

Elettori di sinistra e di destra: preferenze e differenze

24 Giugno 2013
Elettori di sinistra e di destra: preferenze e differenze

Censis: radio e manifestazioni di piazza piacciono alla sinistra; la destra, invece, ama stare davanti alla tv; i grillini allo schermo del pc.

Una famosa canzone di Gaber (“Cos’è la destra, cos’è la sinistra…”) prendeva in giro i luoghi comuni ideologici degli italiani. “Fare il bagno nella vasca è di destra, far la doccia invece è di sinistra” dice il cantautore. “Un pacchetto di Marlboro è di destra, di contrabbando è di sinistra; una bella minestrina è di destra, il minestrone è sempre di sinistra; tutti i film che fanno oggi son di destra, se annoiano son di sinistra”. E ancora: “I blue jeans che sono un segno di sinistra, con la giacca vanno verso destra; la pisciata in compagnia è di sinistra, il cesso è sempre in fondo a destra”.

Ora però Gaber potrà scrivere il seguito della famosa canzone. Il Censis, infatti, ha pubblicato alcune statistiche che daranno al musicista nuovo materiale. Il risultato delle indagini rese note dal Centro Studi Investimenti Sociali, rivela che gli elettori di sinistra preferiscono i giornali, quelli di destra invece i tg.

I raduni di piazza hanno avuto un peso maggiore per gli elettori della coalizione di centro-sinistra, mentre si tratta di un appuntamento semi deserto per quelli dell’opposta fazione (appena l’1,1%).

La radio e la partecipazione diretta alle manifestazioni di partito è tipica dell’elettorato del PD e soci, mentre gli elettori avversi hanno dato maggior peso ai telegiornali nazionali.

I grillini sembrano essere indifferenti ai media tradizionali, come i programmi tv e i quotidiani e appaiono più propensi invece a frequentare canali come il web (blog e Facebook al 22.3%, siti web di partiti e movimenti al 10,6%) e il confronto diretto con le altre persone (50,7%).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube