Uso contanti: si abbassa di nuovo la soglia dei 3mila euro

11 Ottobre 2019 | Autore:
Uso contanti: si abbassa di nuovo la soglia dei 3mila euro

In arrivo una stretta sui pagamenti in contanti: il Governo vuole favorire l’uso della moneta elettronica per tassare parecchie operazioni che ora sfuggono.

Il nuovo decreto fiscale collegato alla manovra finanziaria in corso di predisposizione contiene anche nuove misure limitative dell’uso dei contanti per i pagamenti: secondo quanto anticipa il quotidiano Italia Oggi stamattina, sarà abbassato il limite per tutti i pagamenti che non saranno effettuati con carte. Attualmente, la soglia è di 3 mila euro, ma il Governo la ritiene troppo alta e così adotta la linea di scoraggiare i pagamenti eseguiti in contanti indirizzandoli verso strumenti elettronici e dunque tracciabili: bonifici bancari o carte di credito e di debito, come bancomat e postamat.

Proprio il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, qualche giorno fa aveva dichiarato nella trasmissione televisiva Piazza Pulita su La7 che «l’80% dei pagamenti in contanti in Italia è da paese arretrato» e – nello smentire ogni ipotesi di una “tassa sui contanti” – aveva ammesso che il piano del Governo per incentivare i pagamenti digitali era in via di definizione. Ora, infatti, la bozza di decreto è quasi pronta e iniziano a trapelare le prime indiscrezioni sul suo contenuto.

Le misure in arrivo rientrano nel progetto complessivo del Governo per la lotta ai contanti che prevede diverse iniziative, le ormai famose 4 mosse per togliere i contanti dalla circolazione. Innanzitutto, sono collegate agli sconti per chi usa la carta e, dunque, al progetto di rimborso di uno o due punti dell’aliquota Iva da accreditare in conto corrente o sulla carta di credito in base alle operazioni tracciate eseguite dai contribuenti con gli stessi strumenti: abbassare i limiti di uso dei contanti costituisce uno strumento in più per fare pressione sui consumatori, incentivando al massimo l’uso della moneta elettronica anche per le piccole spese quotidiane.

Infatti, anche la lotteria degli scontrini che prenderà il via da gennaio ha proprio questo obiettivo: sono tutti modi per spingere, o costringere, imprenditori e commercianti ad emettere i prescritti documenti fiscali e registrare le operazioni di vendita, così rendendo visibili parecchie transazioni che finora sfuggivano alla tassazione.

Con tutti questi provvedimenti, il Governo intende realizzare un preciso obiettivo: abbattere l’evasione fiscale e recuperare il gettito tributario necessario per trovare quei complessivi 7 miliardi di euro che la Nadef, la nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza presentata nei giorni scorsi, ha previsto come fonte finanziaria di copertura per la manovra in corso di predisposizione e di cui il decreto fiscale fa parte integrante.

Tra le misure in arrivo, proprio quella che riguarda i nuovi limiti all’uso dei contanti era la più attesa e nell’aria da tempo, ma adesso prende concretezza. Ancora non si conosce quale sarà la nuova soglia limitativa all’uso dei contanti per i pagamenti rispetto a quella attuale di 3.000 euro; si parla, per ora, di una cifra compresa tra i 1.000 ed i 1.500 euro. Si conoscerà presto l’esatto ammontare perché la bozza del nuovo decreto fiscale che contiene questa riforma dovrà essere completata e pronta entro l’inizio della prossima settimana, quando il provvedimento definitivo arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri per l’approvazione. Trattandosi di un decreto legge, la sua entrata in vigore sarà immediata non appena varato dal Cdm in quella riunione.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA