HOME Articoli

Lo sai che? Insulti e diffamazione sulla bacheca di Facebook: scatta il risarcimento del danno

Lo sai che? Pubblicato il 11 dicembre 2011

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 dicembre 2011

Attenti a quello che scrivete sulla vostra bacheca di Facebook: il risarcimento, in caso di diffamazione, è dietro l’angolo e quello che era un semplice sassolino nella scarpa diventa una pietra per tutta la vita.

Un commento poco elegante a una foto caricata su Facebook può costare un risarcimento di 15 mila euro. Tale è stata, infatti, la condanna che il Tribunale di Monza [1] ha inflitto ad un utente del social network blu per la sua condotta diffamante nei confronti della ex fidanzata.

La sentenza, che tratta il tema oggi assai discusso dell’offesa all’onore e alla reputazione per mezzo di un social network, offre lo spunto per svolgere alcune considerazioni sui rischi della navigazione in Internet: in particolare sulle conseguenze di un uso troppo disinibito della rete e degli strumenti che essa offre.

Il giudice ha ritenuto le parole postate sul social network come un insulto al decoro, all’onore e alla reputazione della donna, che ne avrebbero determinato un danno morale.

D’altronde, il crescente sviluppo dei social network come Facebook, Twitter e Netlog se da una parte consente una rapida diffusione di nuove forme di comunicazione e circolazione di informazioni, dall’altra crea una sorta di “terra di nessuno” che facilita la commissione di condotte illecite, dove il legislatore e il giudice si muovono con difficoltà.

Ma quando si può parlare di diffamazione su Facebook?

In generale si può dire che il reato di diffamazione ricorre in presenza dell’inserimento di frasi offensive, battute personali gravi, notizie riservate (la cui divulgazione provoca pregiudizi), foto denigratorie o la cui pubblicazione ha ripercussioni negative (anche solo potenziali) sulla reputazione della persona ritratta.

È diffamatorio, per esempio:

– creare il gruppo “Quelli che odiano il proprio professore di matematica”;

– rivelare sulla propria o altrui bacheca una relazione extraconiugale del proprio collega di lavoro con la segretaria [2];

– inserire la foto della propria ex fidanzata nuda o in atteggiamenti piccanti.

Per parlare di diffamazione, l’offesa deve essere rivolta a un soggetto determinato o determinabile (cioè ad esempio menzionando nome e cognome). Se si parla male di una persona senza far capire di chi si tratta non c’è reato. Il reato invece sussiste se si inseriscono riferimenti che consentano di risalire alla persona offesa.

Le pene previste per la diffamazione a mezzo internet sono la reclusione da sei mesi a tre anni o la multa non inferiore ad euro 516 [3].

Inoltre la giurisprudenza è orientata a ritenere responsabile anche colui che, venutone a conoscenza e avendo i poteri per farlo, non cancella la pubblicazione.

Il vero problema non è però rappresentato tanto dalla pena (che il più delle volte viene sospesa con la “condizionale”), ma dai costi connessi al procedimento penale.

In caso di condanna occorre infatti pagare:

– il legale della parte civile;

– il proprio legale

– il risarcimento dei danni provocati alla parte lesa.

Un consiglio? Non perdete le staffe davanti al pc o potrebbe costarvi caro…

note

[1] Causa iscritta al RG n.4456/09.

[2] Di recente, Cass. sent. n. 44940 del 2.12.2011.

[3] Commette invece il reato di diffamazione aggravata  (art. 595 c.p. co.3) Se l’offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità (quale internet, ad esempio).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. A mio parere, i socialnetwork, sono degli spazi, virtuali certamente, ma hanno molti aspetti reali che li rendono uguali alla tradizionale ‘pubblica piazza’; ciò che pubblichiamo va a finire sotto gli occhi di tutti nella stessa misura in cui ciò che diciamo in piazza finisce nelle orecchie di tutti: Il problema consiste nel fatto che le piazze virtuali sono potenzialmente più estese di quelle reali e quindi l’attenzione da porre nel proporre contenuti che non danneggino la reputazione personale debba essere maggiore e meglio ponderata! Sentenza esemplare!

    1. L’utilizzo di foto non autorizzate è violazione del diritto d’autore. Bisogna mandare una diffida scritta e intervenire attraverso un legale. Telefonami che ti spiego meglio.

  2. al posto di perdevi in barzelli cari giudici………………..perche’ non applicate la legge in modo serio a persone che dalla mattina delinquono in primis politici……………qsti rubano dalla mattina alla sera e li mandate in convento…………..io che mando affanculo con tutto il cuore qlli che mi hanno rubato passato,presente e futuro………….volete condannarmi………MA FARE VERAMENTE RIDERE IN QSTA REPUBBLICA DELLE BANANE.

  3. SCUSATE , una domanda innocua quando subdile ,,, e per chi AIZZA IL POPOLO CONTRO UN’ETNIA , CON OFFESE CONTRO LA DIGNITÀ E LO STESSO PUDORE DEL POPOLO ITALIANO , CHE COSA E PREVISTO ???

  4. L’impegno obbedisce a tre elementi: alla volontà come inizio, alla ricerca come sforzo, a non mettere mai limiti come perseveranza

  5. Questa cos’è un’altra legge per far lavorare gli avvocati e spennare dei quattrini al popolo? Diciamo che ormai non siamo più in uno stato democratico ma bensì dittatoriale e vogliono toglierci anche la libertà di esprimerci come ci pare anche verso un terzo. Poveri noi e povera Italia che brutta fine che stiamo facendo.

  6. A volte mi è capitato di care del “cretino forever” a qualche onorevole per le cazzate che aveva detto. Devo preoccuparmi?

  7. Diffamata , calunniata , offesa , e minacciata . Il tutto visionato da 41 persone e commentato in modo offensivo e minaccioso da 6 persone.
    Nel caso lo prenda in considerazione un giudice quanto posso chiedere di risarcimento, considerando che non posso più frequentare il paese di tutte 40 persone che hanno commentato ? Nello stesso paese ci abita mia sorella e frequenterei saltuariamente la parrucchiera

    Già denunciato marzo 2014 ma nessuna convocazione
    Tutto tace
    Attendo vostro riscontro
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI