Cronaca | News

Quanti morti farà l’obesità nei prossimi anni?

11 Ottobre 2019
Quanti morti farà l’obesità nei prossimi anni?

Rapporto dell’Ocse: a pagare il prezzo saranno soprattutto i bambini.

Chili di troppo killer. Le malattie legate all’obesità provocheranno circa 90 milioni di morti nei Paesi Ocse nei prossimi 30 anni e ridurranno l’aspettativa media di vita di  circa tre anni. Non solo: l’obesità e le patologie correlate riducono il Pil del 3,3% nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e pesano fortemente sulle tasche delle persone per circa 360 dollari pro capite all’anno. E’ quanto emerge da un Rapporto Ocse. Secondo il Report intitolato “The Heavy Burden of Obesity – The Economics of Prevention” più di metà della popolazione di 34 dei 36 Paesi dell’Ocse è in sovrappeso, e quasi una persona su quattro è obesa. I tassi medi di obesità negli adulti sono aumentati dal 21% nel 2010 al 24% nel 2016, il che significa che altri 50 milioni di persone
sono ora obese.

A pagare il prezzo più alto per l’obesità sono i bambini, perché è emerso che quelli in sovrappeso vanno meno bene a scuola, hanno maggiori probabilità di saltare giornate di lezioni e hanno meno probabilità di completare l’istruzione superiore. Non solo: mostrano anche una minore gioia di vivere e hanno una probabilità tre volte maggiore di essere vittime di bullismo, il che a sua volta può contribuire a ridurre le prestazioni scolastiche.

Gli adulti obesi – prosegue impietoso il report Ocse – hanno un rischio maggiore di malattie croniche, come il diabete, e una ridotta aspettativa di vita. Nella Ue a 28, donne e uomini appartenenti a una fascia di reddito più bassa hanno, rispettivamente, il 90% e il 50% in più di probabilità di essere obesi, rispetto a quelli con i redditi più alti, rafforzando così le disuguaglianze economiche. Le persone con almeno una malattia cronica associata al sovrappeso, inoltre, hanno l’8% di probabilità in meno di trovare lavoro l’anno successivo e, quando hanno un lavoro, rischiano fino al 3,4% in più di assentarsi o essere meno produttivi.

“E’ urgente aumentare gli investimenti per ridurre l’obesità e promuovere stili di vita corretti – afferma il segretario generale dell’ Ocse Angel Gurria -. Questi risultati illustrano chiaramente la necessità di migliori politiche sociali, sanitarie ed educative che conducano a una migliore qualità della vita. Investendo nella prevenzione, i responsabili politici possono frenare l’avanzamento dell’obesità per le generazioni future, con benefici sull’economia. Non ci sono più scuse per non agire”.

I paesi Ocse spendono già l’8,4% del loro bilancio sanitario complessivo per la cura delle malattie legate all’obesità, pari a circa 311 miliardi di dollari (209 dollari pro capite all’anno). E ancora: l’obesità è responsabile del 70% di tutta la spesa per la cura del diabete, del 23% di quella per le malattie cardiovascolari e del 9% per i tumori.

L’analisi Ocse rileva che investire in iniziative quali una migliore etichettatura dei prodotti alimentari o la regolamentazione della pubblicità di alimenti non salutari per i bambini può generare notevoli risparmi. Ogni dollaro investito nella prevenzione dell’obesità – secondo il rapporto – genererebbe un ritorno economico fino a sei dollari.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. La gente non si rende conto dei rischi per la propria salute a cui può portare un’alimentazione scorretta. Mangiano schifezze ai fast food, patatine fritte e rifritte nell’olio, panini scongelati e ricongelati chissà quante volte, carne (non so di cosa)… Il problema è che ci portano pure i figli e anche a mezza mattinata. Mi capita di andarci qualche volta per una pausa caffé con i miei colleghi, ma è assurdo che ogni santo giorno le stesse persone, intere famiglie, mangino lì… Praticamente, stanno condannando la loro salute ad esiti infausti…. E non è un’esagerazione! Ho sentito e seguito numerosi programmi sull’argomento e sinceramente mi chiedo cosa costa a queste persone prendere un po’ verdura e carne o fare un buon piatto di pasta fatta in casa? Vanno anche a risparmiare così e ci guadagnano in salute!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube