Diritto e Fisco | Articoli

Ricorso pensionistico Corte dei Conti: competenza e notifica

19 Ottobre 2019
Ricorso pensionistico Corte dei Conti: competenza e notifica

Ricorso Corte dei Conti per problema pensionistico: la competenza della Corte dei Conti è corretta ? e dove? Le notifiche vanno fatte a INPS Vicenza o anche Roma? Il deposito è cartaceo o telematico?

Vertendosi in materia in materia di pensioni pubbliche, è la Corte dei Conti competente a giudicare sul trattamento pensionistico. Trattasi di competenza esclusiva prevista dagli articoli 13 e 62 del RD 12 luglio 1934, n. 1214, che attribuiscono in via esclusiva alla giurisdizione della Corte dei Conti le controversie concernenti la sussistenza del diritto, la misura e la decorrenza della pensione dei pubblici dipendenti, comprese quelle in cui si alleghi, a fondamento della pretesa, l’inadempimento o l’inesatto adempimento della prestazione pensionistica da parte dell’ente obbligato.

La giurisprudenza di legittimità ha chiarito che la competenza è del Giudice ordinario (Tribunale, sezione Lavoro) solo qualora la domanda del ricorrente abbia ad oggetto in via principale questioni interenti il rapporto di lavoro e la domanda di adeguamento della pensione sia solamente una conseguenza della domanda principale (Cassazione, Sezioni Unite, ordinanza del 11 novembre 2018, n. 29396).

In materia di ricorsi pensionistici civili, militari e di guerra, la sezione giurisdizionale regionale della Corte dei Conti, competente per territorio, in primo grado, giudica in composizione monocratica, in funzione di giudice unico.

La competenza per territorio, per la domanda che qui interessa, si individua in base all’art. 18 D.lgs. 26 agosto 2016, n. 174, c. 1 lett. c), che per i giudizi sui ricorsi e sulle istanze in materia di pensioni, assegni o indennità civili, militari e di guerra a carico totale o parziale dello Stato o degli enti pubblici previsti dalla legge, fissa il criterio della residenza anagrafica del ricorrente, all’atto della presentazione del ricorso o dell’istanza.

Nel caso di specie, poiché il ricorrente risiede in provincia di Vicenza, è competente la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Regione Veneto.

Per quanto concerne il deposito del ricorso, esso deve avvenire telematicamente con invio all’indirizzo di posta elettronica certificata della Corte dei Conti competente. Il deposito si perfeziona al momento della generazione della ricevuta di accettazione della pec..

Per il deposito degli atti giudiziari valgono le modalità stabilite nel Decreto Presidenziale n. 98/2015 che definisce le regole tecniche e operative per l’utilizzo della PEC nei giudizi dinanzi alla Corte dei conti.

Per la notifica, il destinatario dovrebbe essere individuato nella sede Inps di Vicenza, ma, per precauzione, consiglierei di notificare anche presso la sede legale di Roma.

Articolo tratto da una consulenza dell’avvocato Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube