Tatuaggi di colore verde: rischio cancerogeno

14 Ottobre 2019
Tatuaggi di colore verde: rischio cancerogeno

Tumori e tatuaggi: ritirato un lotto di verde arrivato in Italia. Ecco cosa deve fare chi ha il sospetto di essere interessato.

Si apre ancora una volta un dolente capitolo sui tatuaggi e sui danni che possono comportare per la salute. Il ministero della Salute ha predisposto il ritiro del pigmento verde ‘Lime Green‘ per tatuaggi per rischio cancerogeno. Non è la prima volta che le autorità sequestrano dei colori di tatuaggi e, se anche i laboratori dovrebbero essere tutti “certificati”, c’è sempre chi fa il furbo. Come fa a capirlo il cliente? Purtroppo si tratta di indagini che vengono fatte da istituti specializzati e che, a volte – come in questo caso – vengono alla luce solo dopo che migliaia di persone ne hanno fatto uso.

Per quanto possa servire il Ministero della Salute ha indicato gli estremi della marca di colore verde ritirata dal commercio. Si tratta di “Intenze” prodotto in Usa – lotto SS274. Un singolo lotto, insomma, ma che è purtroppo sbarcato in Italia. Difatti – ci comunica urgentemente una nota stampa appena uscita da Adnkronos – il prodotto è distribuito dalla ditta 151SRLS di Torino. «L’ articolo è stato sottoposto a divieto di commercializzazione, ritiro e richiamo», sottolinea il ministero sul proprio sito.

Chi ha un tatuaggio verde potrà informarsi presso il centro ove gli è stato fatto il tatoo e, successivamente, confrontarsi con un dermatologo specializzato. 

Solo ad inizio anno i carabinieri e i Nas hanno sequestrato ben 248 confezioni di tinture e pigmenti. Il Comando carabinieri per la tutela della salute, d’intesa con il ministero della Salute, effettua un costante monitoraggio sulla regolarità e l’innocuità dei prodotti a base di inchiostro utilizzati per i tatuaggi. I controlli sono stati effettuati in 117 aziende del settore, come centri di tatuaggio, importatori, produttori e distributori nazionali di pigmenti, prelevando nel contempo 100 campioni di inchiostri per tatuaggio, inviati ai laboratori per la ricerca di sostanze chimiche, quali ”ammine aromatiche” e ”idrocarburi policiclici aromatici (Ipa)”.

Le analisi sui campioni, svolte dal laboratorio accreditato dell’Arpa Piemonte1, hanno rilevato “la non conformità di 22 campioni per presenza sopra i limiti di legge delle predette sostanze, considerate potenzialmente tossiche o cancerogene“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube