Aborto spontaneo: maggiore rischio per chi vive in città

14 Ottobre 2019
Aborto spontaneo: maggiore rischio per chi vive in città

Salute, smog sulle donne incinte aumenta il rischio dell’interruzione di gravidanza. 

Se si è in attesa meglio andare a vivere in campagna o in una zona residenziale. Respirare ‘veleni’ nell’aria aumenta il rischio di aborto spontaneo per le future mamme. Ad accendere i riflettori su un effetto rimasto finora sottotraccia dell’inquinamento atmosferico è uno studio condotto a Pechino su oltre 250.000 donne in gravidanza tra il 2009 e il 2017, pubblicato su ‘Nature Sustainability’ e comunicato a La Legge per Tutti dall’Agenzia stampa Adnkronos. L’esposizione materna all’inquinamento atmosferico è stata, infatti, collegata a un aumento del pericolo di aborto spontaneo nel primo trimestre di gravidanza.

La scarsa qualità dell’aria è fra le principali cause di numerose patologie. Ricerche precedenti hanno indicato che l’esposizione delle donne incinte all’inquinamento atmosferico contribuisce ad aumentare i rischi di problemi come basso peso del bebè alla nascita, parto pretermine, ipertensione gestazionale e pre-eclampsia, e può anche influenzare la salute materna durante la gravidanza e poi nel corso della vita.

Il team di Liqiang Zhang della Beijing Normal University ha analizzato le cartelle cliniche di 255.668 donne in gravidanza a Pechino e ha calcolato il livello di esposizione agli inquinanti atmosferici per ogni donna, in base alle misurazioni effettuate dalle stazioni di monitoraggio dell’aria più vicine all’indirizzo di residenza e al luogo di lavoro di ciascuna.

Gli inquinanti atmosferici considerati nello studio includevano particolato con diametro inferiore a 2,5, anidride solforosa, ozono e monossido di carbonio. Gli autori hanno raggruppato le donne in gravidanza per età al momento del concepimento e occupazione.

Ebbene, tra le donne coinvolte nella ricerca, 17.497 (6,8%) hanno avuto un aborto spontaneo. Gli autori dello studio hanno scoperto che in tutti i gruppi considerati, l’esposizione a concentrazioni più elevate degli inquinanti ‘sotto la lente’ era associata a un rischio maggiore di aborto spontaneo nel primo trimestre. Sono necessarie ulteriori ricerche, concludono gli scienziati, per comprendere il meccanismo specifico con cui l’inquinamento atmosferico agisce sul feto.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA