Cronaca | News

Quanto investe l’Italia nella ricerca

15 Ottobre 2019
Quanto investe l’Italia nella ricerca

Segnali positivi dal Rapporto presentato al Cnr: investimenti in aumento.

Negli ultimi anni, l’Italia investe di più nella ricerca. Migliora il rapporto fra spesa per la ricerca e Pil che sale all’1,4% del prodotto interno lordo rispetto all’1% del 2000. L’incremento registrato al 2016 è stato possibile “anche grazie all’interruzione del trend di diminuzione degli stanziamenti pubblici”.

È quanto emerge dal Rapporto sulla Ricerca e l’Innovazione presentato oggi nella sede del Cnr, a Roma, alla presenza del premier Giuseppe Conte e dei ministri dell’Istruzione, Università e Ricerca, Lorenzo Fioramonti, dell’Innovazione, Paola Pisano, e della Famiglia, Elena Bonetti.

“E’ una fotografia importante dello stato di salute di due settori, quello della ricerca e dell’innovazione” ha commentato Conte, “che da premier ho sempre considerato strategici per lo sviluppo del Paese e che da accademico hanno costituito un impegno centrale da studioso.

Conte ha annunciato che questa sera, nel corso del Consiglio dei Ministri, ci sarà “un passaggio importante con la nascita di un’Agenzia nazionale per la ricerca. Pur lasciando piena libertà, daremo indicazioni utili allo sviluppo del Paese”.

“Vi auguro – ha concluso il premier – di poter far sempre meglio. Ai ricercatori e a tutto il mondo della ricerca voglio mandare un messaggio di augurio, ma anche di sostegno da parte dell’intero Governo. Faremo il possibile per starvi accanto e per moltiplicare l’efficacia dei vostri sforzi”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube