Diritto e Fisco | Articoli

Quali detrazioni se realizzo un impianto di riscaldamento autonomo?

26 Ottobre 2019
Quali detrazioni se realizzo un impianto di riscaldamento autonomo?

Ho realizzato nel mio appartamento, ubicato in un condominio, un nuovo impianto autonomo di riscaldamento distaccandomi da quello centralizzato preesistente.

Quali detrazioni fiscali mi spettano?

Per rispondere alla Sua domanda occorre innanzitutto distinguere tra:

  • le agevolazioni fiscali per interventi che realizzano risparmio energetico
  • e le agevolazioni per opere di ristrutturazione edilizia.

Ed è assai opportuno scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate sia la guida sulle agevolazioni fiscali per opere di ristrutturazione edilizia (edizione luglio 2019), sia la guida (edizione marzo 2019) relativa alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

La guida relativa alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico informa:

  • che per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale è ammessa una detrazione di valore massimo pari a 30.000 euro (tra le spese detraibili rientrano anche quelle per le opere edilizie funzionali alla realizzazione dell’intervento come, ad esempio, le spese per la demolizione del pavimento e per la posa in opera del nuovo se si realizza un impianto radiante a pavimento: tocca ad un tecnico abilitato individuare le spese connesse);
  • che per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale (ammessi a fruire della detrazione) si intendono soltanto quelli che realizzano la sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti dotati di caldaie a condensazione ad aria o ad acqua;
  • che è esclusa dall’agevolazione fiscale la trasformazione dell’impianto di climatizzazione invernale da centralizzato a individuale o autonomo.

Fatta questa premessa, l’intervento da lei realizzato e descritto (di distacco dall’impianto centralizzato e quindi, in sostanza, di trasformazione dell’impianto di climatizzazione invernale da centralizzato a individuale o autonomo) non risulta ammesso alla detrazione fiscale per interventi che realizzano risparmio energetico.

Tuttavia, in base anche a ciò che viene illustrato nella guida sulle agevolazioni per ristrutturazioni edilizie, gli interventi da lei realizzati possono fruire della diversa detrazione prevista per interventi di recupero del patrimonio edilizio nei seguenti casi ed alle seguenti condizioni:

  • la detrazione è ammessa nella misura massima per gli interventi eseguiti su singole unità abitative (50% delle spese annue sostenute con bonifico dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, con limite massimo di 96.000 euro per singola unità abitativa);
  • la detrazione è ammessa per la sostituzione della caldaia;
  • la detrazione è ammessa per la sostituzione dei caloriferi con altri di diverso tipo se essa realizza risparmi energetici dimostrabili e attestabili con idonea documentazione tecnica;
  • la detrazione è ammessa per nuovo impianto di riscaldamento autonomo purché conforme al decreto ministeriale n. 37 del 2008, accompagnato anche eventualmente da opere edilizie esterne o interne necessarie per riscaldamento o ventilazione;
  • ove sussistano le condizioni sopra indicate, sono anche detraibili altre spese come, ad esempio, le spese per l’acquisto dei materiali, le spese di progettazione, gli altri eventuali costi collegati alla realizzazione dei lavori e agli adempimenti stabiliti dal decreto n. 41 del 1998.

Chiaramente se non dovessero sussistere le condizioni per richiedere ed ottenere la detrazione per la realizzazione dell’intero impianto di riscaldamento autonomo, potrà richiederla (nel rispetto delle condizioni indicate) anche soltanto per la sostituzione della caldaia e/o soltanto per la sostituzione dei caloriferi.

Articolo tratto da consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube