Salute e benessere | Articoli

Come si cura la sinusite

7 Novembre 2019 | Autore: Roberta Jerace
Come si cura la sinusite

Cos’è la sinusite; cause della sinusite; sintomi della sinusite; diagnosi; farmaci per la cura della sinusite; quando scade la ricetta medica; rimedi naturali per curare e prevenire la sinusite.

Spesso, viene confusa con il tipico raffreddore, ma la sinusite è una diversa patologia che disturba milioni di italiani ogni anno, soprattutto per il suo tipico sintomo che la differenzia dal virus del raffreddore, cioè il dolore che colpisce il volto in corrispondenza dei seni facciali. Se anche tu pensi di soffrire di questo disturbo, il primo passo è affidarti al tuo medico di famiglia e ai medici specialisti per effettuare una corretta diagnosi e capire così definitivamente come si cura la sinusite.

Dopo aver fatto gli esami necessari per avere una diagnosi certa, il passo successivo è quello di intervenire con i farmaci adeguati che debelleranno questo disturbo. A tal proposito, presta attenzione alla scadenza della ricetta medica così da assicurarti di poter intervenire farmacologicamente e tempestivamente sulla tua sinusite. Infine, ricorda che esistono una serie di attenzioni che possono aiutarti a prevenire quest’affezione e alcuni rimedi naturali che potrai sfruttare per alleviare i sintomi e coadiuvare le terapie farmacologiche.

Cos’è la sinusite

La sinusite è un processo infiammatorio a carico dei seni paranasali. I seni paranasali sono le camere d’aria che si trovano nelle ossa dietro sopracciglia, guance e mascelle; all’interno dei seni paranasali avviene la produzione di una sostanza fluida preposta a filtrare l’aria che respiriamo da virus e batteri: il muco. Quando l’infiammazione interessa anche le mucose nasali, allora si parlerà più propriamente di rinosinusite.

La sinusite è acuta se dura per un periodo di tempo che va dalle tre alle quattro settimane, subacuta se si prolunga da uno a tre mesi e si parla, invece, di sinusite cronica se dura più di tre mesi. È considerata erroneamente una patologia invernale, in quanto può colpire anche nei mesi estivi per esempio quando è di origine allergica, fungina o batterica.

Cause della sinusite

Le cause della sinusite possono essere diverse tra loro, sicuramente una delle manifestazioni più frequenti è come conseguenza a un raffreddore e quindi a un’infezione virale; ma è possibile che la sinusite venga scatenata anche da un attacco allergico o da inquinanti ambientali che determinano un’ipersensibilizzazione delle mucose nasali. Anche alcune specifiche condizioni anatomiche possono rendere favorevole lo sviluppo della sinusite, ad esempio se la tua specifica anatomia altera il passaggio dell’aria all’interno del naso. Un caso tipico è rappresentato dalle ostruzioni meccaniche provocate dalle adenoidi o dalla deviazione del setto nasale e in questo caso potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere il problema.

Infine, la sinusite può avere anche un’origine batterica o fungina che è di più difficile diagnosi e necessita di un medico proprio per discriminarne l’origine che talvolta può anche evidenziare un sistema immunitario debilitato.

Sintomi della sinusite

Nella sintomatologia della sinusite possiamo notare alcuni sintomi caratteristici come il cambiamento del colore del muco nasale che da trasparente diventa verde-giallastro e di densità maggiore. Questo avviene perché il normale flusso che si sposta dai seni paranasali alla gola viene interrotto e il muco viene intrappolato negli stessi seni. Il primo sintomo è, quindi, la congestione nasale accompagnata da ostruzione, febbre in alcuni casi, tosse, mal di denti e alitosi a causa dello scolo del pus nel retrofaringe. Non è infrequente il mal d’orecchi, sempre a causa del ristagno di muco e l’incapacità di sentire gli odori (anosmia).

Tipici sintomi sono il mal di testa, la sensazione di dolore e la sensazione di compressione su tutte le ossa del volto ed è possibile anche percepire gli occhi gonfi e la difficoltà a respirare (dispnea).

Diagnosi

Il tuo medico curante è il primo a cui rivolgerti se i sintomi non migliorano in pochi giorni o addirittura peggiorano. Dal tuo medico di famiglia, probabilmente, verrai sottoposto a un facile test per la diagnosi della sinusite che si chiama diafanoscopia, si tratta di un test di vecchia data, ma tutt’ora utilizzato per avere un riscontro immediato seppure non esaustivo.

Il test consiste nell’inserimento nella bocca di una fonte luminosa di piccole dimensioni e nella valutazione della luminosità che filtra: se la luce è visibile attraverso le strutture ossee del volto, allora molto probabilmente i seni nasali sono liberi e non si tratta di sinusite; se, al contrario, la luce filtra solo parzialmente o non filtra affatto, molto probabilmente i seni sono ostruiti da pus e quindi sei affetto da sinusite.

Dopo una prima diagnosi, potresti essere indirizzato dal tuo medico verso un otorinolaringoiatra che è lo specialista di riferimento per questa patologia. Qui, potresti essere sottoposto a un prelievo del pus presente all’interno dei seni, per comprendere di che origine sia e stabilire l’antibiotico o il farmaco più adatto a combattere quel determinato ceppo batterico o fungino. Tra gli altri esami che risultano significativamente più precisi e potrebbero esserti prescritti, vi sono le radiografie e la Tac (Tomografia assiale computerizzata).

Farmaci per la cura della sinusite

La cura della sinusite avviene su due fronti: la cura dell’infezione e la terapia dei sintomi. Come ogni cura, anche questa va portata a termine come da prescrizione medica fino alla fine della posologia indicata e non devi in nessun caso sospenderla al miglioramento o addirittura in caso si verifichi la sparizione dei sintomi, poiché potresti peggiorare la situazione, ad esempio inducendo l’antibiotico-resistenza da parte del tuo organismo.

Tra i farmaci utilizzati per la cura della sinusite vi sono:

  • gli antibiotici che vengono prescritti per la cura della sinusite batterica. Tra quelli più usati vi sono: l’amoxicillina (Augumentin, Zimox); l’azitromicina (Zithromax, Tromix, Azitrom); la moxifloxacina (Avalox, Axokine); il fluorochinolone (Levoxacin, Ciproxin);
  • i decongestionanti nasali: sono utilizzati per dare sollievo immediato e ripulire le vie aeree. Utili soprattutto nella fase acuta della sinusite, tra questi vi sono: l’ossimetazolina (Vicks Sinex, Froben, Actifed nasale); la xilometazolina (Otrivin, Narhimed); la nafazolina (Fazolin, Rinazina, Imidazyl Antistaminico, Collirio Alfa usato per la mucosa oculare). Ma attenzione, perché l’uso dei decongestionanti nasali va interrotto tassativamente entro una settimana dal primo utilizzo in quanto possono creare dipendenza e favorire una ricaduta;
  • gli antistaminici con somministrazione orale sono indicati per combattere la sinusite di origine allergica, tra i farmaci più prescritti in questo caso vi sono: la cetirizina (Zirtec, Reactine, Tricerin); la fexofenadina (Fexallegra, Telfast); la desloratadina (Aerius, Azomyr, Neoclarityn);
  • i cortisonici sono indicati per ridurre l’infiammazione e possono essere prescritti sia per l’uso orale che per via iniettiva, tra questi i più comuni sono: il metilprednisolone (Medrol, Depo-medrol, Urbason) e il prednisone (Deltacortene).

Quando scade la ricetta medica

Il tuo medico o lo specialista al quale intendi rivolgerti probabilmente ti rilasceranno un’impegnativa per effettuare le analisi e/o per acquistare i farmaci necessari a curare la tua sinusite. Quello che forse non sai è che esiste una scadenza per la ricetta medica, cioè un termine oltre il quale questa non è più valida.

Per quanto riguarda l’acquisto dei farmaci, solitamente, la validità è di 30 giorni; tuttavia, esistono delle eccezioni e/o delle disposizioni diverse in base alla Regione di residenza. Per le visite specialistiche, il tempo di validità è di un anno, così come per gli esami del sangue e altri accertamenti diagnostici. Però, per essere certo della validità della tua impegnativa è sempre bene che tu ti informi sul sito dell’Azienda sanitaria di competenza.

Rimedi naturali per curare e prevenire la sinusite

Tra i rimedi naturali per combattere la sinusite, vi sono gli spray nasali salini. Pare che l’umidità indotta dalla soluzione contribuisca a fluidificare le secrezioni nasali e attraverso un’azione meccanica a eliminare gli agenti infettivi. Le soluzioni saline hanno il vantaggio di non creare assuefazione potrai quindi usarle liberamente fino a sei volte al giorno e senza limiti di tempo e anche per i tuoi bambini; dovrai spruzzare lo spray nelle narici e attendere qualche minuto che agisca prima di soffiare il naso una narice per volta.

Prova i suffumigi per combattere i fastidi della sinusite; aggiungi gocce di olio essenziale di eucalipto, timo o arancio amaro a una bacinella d’acqua bollente, copri il tuo capo e la bacinella con un asciugamano e inspira alternando sessioni di tre minuti fino a quando l’acqua sprigionerà vapore.

Durante la stagione invernale, quando si passa dalle fredde temperature esterne agli interni caldi e secchi a causa dei riscaldamenti, può essere opportuno utilizzare un umidificatore per ambienti che ristabilisca l’umidità all’interno delle mura di casa entro i normali valori del 45-50%.

Anche la dieta riveste un’importanza cruciale nella prevenzione e nella cura di questa patologia. Tra i cibi da preferire per prevenire le ricadute e velocizzare la guarigione, vi sono i cereali integrali. Questi facilitano la moltiplicazione dei batteri “buoni” che costituiscono la flora batterica intestinale e sono in grado di contrastare la moltiplicazione dei batteri nocivi come quelli che possono essere alla base della tua sinusite. Evita del tutto i latticini e i grassi animali che incrementano la produzione di muco e introduci lo zenzero nei tuoi piatti perché è utile a liberare le vie aeree.

Tra i rimedi fitoterapici per la sinusite è molto efficace la piantaggine. Si tratta di una pianta erbacea perenne ricca di principi attivi ad azione antinfiammatoria, antibatterica ed espettorante, che si rivelano particolarmente utili proprio per sfiammare le mucose paranasali ed evitare le sovra infezioni di origine batterica. Prova ad assumere 40 gocce di tintura madre di piantaggine in un bicchiere d’acqua, lontano dai pasti e per due volte al giorno per usufruire di questo rimedio usato fin dai tempi antichi.

Informati sui centri termali più vicini a te e prova a combattere la sinusite con le cure termali. Le proprietà antinfiammatorie e curative delle acque sulfuree delle sorgenti termali rappresentano un trattamento naturale della sinusite, del quale potrai beneficiare sia nella cura dei sintomi sia come prevenzione delle recidive; inoltre, sono trattamenti adatti e consigliati anche per la sinusite dei bambini.

Quando scadono le ricette del medico? GUARDA IL VIDEO



Di Roberta Jerace

note

Autore immagine: 123rf com.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA