Diritto e Fisco | Articoli

Non è cocopro ma lavoro subordinato se impone standard di produttività giornaliera

26 Giugno 2013
Non è cocopro ma lavoro subordinato se impone standard di produttività giornaliera

Se il contratto impone degli standard minimi di produttività giornaliera non è compatibile con lo schema del contratto a progetto, che richiede invece la generica descrizione di un progetto-programma da portare a termine; pertanto si trasforma in lavoro subordinato.

Perché si possa parlare di co.co.pro., l’attività deve essere gestita in perfetta autonomia dal collaboratore, con una semplice indicazione delle mansioni da seguire: pertanto, se il contratto di collaborazione impone al lavoratore degli standard minimi di produttività giornaliera, esso è illegittimo e si trasforma, automaticamente, in rapporto di lavoro subordinato.

Lo ha precisato la Cassazione in una sentenza pubblicata ieri [1].

Nel caso di specie, la Corte ha ritenuto dovesse parlarsi di lavoro subordinato in quanto il contratto fatto firmare al collaboratore imponeva giornalmente a quest’ultimo di vendere almeno settanta cartoni di prodotto e visitare minimo diciotto clienti, con successiva rendicontazione delle attività svolte. Si tratta di imposizioni incompatibili con un rapporto a “progetto” (ossia un programma da portare a termine), ma con una subordinazione lavorativa vera e propria.

Nel contratto a progetto, ricorda la Suprema Corte, il programma da svolgere deve essere funzionalmente collegato a un determinato risultato finale, ma la sua gestione spetta sempre al collaboratore.


note

[1] Cass. sent. n. 15922 del 25.06.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube