Tumore al seno: quando iniziare la prevenzione?

16 Ottobre 2019
Tumore al seno: quando iniziare la prevenzione?

I consigli dell’Istituto europeo di oncologia: già dai 20 anni bisogna imparare a prendersi cura di sé per evitare precocemente la minaccia del cancro.

Mai pensare che sia troppo presto per la prevenzione del tumore al seno. Secondo l’Istituto europeo di oncologia, bisogna togliersi dalla testa che si debba pensare a questa malattia solo a partire da un’età avanzata: già dai 20 anni, quando si è appena lasciata l’adolescenza e si sta entrando nell’età adulta, è il momento di fare questa scelta e di mantenerla nel tempo. Non è questione di allarmismi, dice l’Ieo: «Vogliamo convincere le donne – commenta il direttore scientifico dell’Istituto, Roberto Orecchia – che la prevenzione del cancro del seno non è un progetto rimandabile, da collocare prima o poi nella vita. A ogni età e fase della vita c’è qualcosa che si può fare».

Qualcosa del tipo? «Ridurre le probabilità che il tumore compaia – spiega l’esperto – attraverso due stili di vita fondamentali: alimentazione sana e attività fisica regolare, anche per le bambine».

Non vanno trascurati gli esami specialistici: «Si può evitare che diventi una malattia diffusa, attraverso gli esami di screening che lo individuano precocemente. E anche qualora il tumore si fosse già manifestato – avverte –, è possibile adottare tutte le misure a disposizione perché non si ripresenti».

L’Istituto non pensa solo alla prevenzione di chi il tumore al seno non ce l’ha, ma anche a chi già ne ha avuto l’esperienza: «Gli stili di vita e i controlli restano i capisaldi della prevenzione», dice il direttore dell’Ieo. «Oggi inoltre la prevenzione è più efficace perché può essere personalizzata, cioè studiata in base alle caratteristiche di ogni donna e della sua famiglia».

Tumore al seno: come fare la prevenzione?

Secondo l’Istituto europeo di oncologia, la regola numero uno per la prevenzione della malattia è quella di «conoscere il proprio seno: l’autopalpazione deve iniziare a 20 anni ogni mese e restare come abitudine per tutta la vita. Dai 30 anni vanno effettuate visita senologica ed ecografia del seno una volta all’anno. Dai 40 anni, se il radiologo lo ritiene opportuno, si inizia la mammografia ogni due anni; dai 45 anni si effettua la mammografia da associare e/o alternare all’ecografia, a seconda del tipo di mammella».

L’Ieo promuove un nuovo modello di cura e assistenza, come spiega il direttore della Senologia dell’Istituto, Viviana Galimberti: «Prevede che il medico, e l’ospedale in cui opera, non circoscriva il suo ruolo alla fase acuta della malattia, cioè la rimozione del tumore dal corpo, ma si occupi anche della prevenzione e del recupero di una vita piena, ove possibile».


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube