Le nuove tasse del 2020

17 Ottobre 2019
Le nuove tasse del 2020

Dall’aumento delle imposte sulla casa al taglio delle detrazioni al 19%: ecco l’esercito dei nuovi balzelli che graveranno sulle famiglie italiane. 

Dopo la riunione fiume di ieri notte, il Cdm ha elaborato il Def che ora è stato spedito alla Commissione europea. Entro il prossimo 20 ottobre, avremo probabilmente il testo definitivo della Legge di Bilancio 2020. È già possibile avere un quadro chiaro delle misure che ci aspettano a partire dal prossimo anno, soprattutto in tema di fiscalità.

Il Governo mira a recuperare una buona fetta delle coperture dalla lotta all’evasione, incentivando l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronico (con un bonus tra il 10 e il 19% per chi userà le carte di credito e bancomat) e prevedendo una lotteria con premi in denaro riservata a chi non userà i contanti. Contanti che tornano di nuovo in primo piano con un graduale abbassamento al tetto per l’utilizzo: fino a 2.000 euro per il 2020 e il 2021, per poi scendere a 1.000 nel 2022. 

Dall’altro lato, viene abbassata l’asticella che, in caso di mancato pagamento delle tasse, farà scattare il reato.

Per il resto, la manovra è un susseguirsi di nuove imposte, da quelle giustificate per la tutela dell’ecologia a quelle che tagliano le detrazioni fiscali del 19%, dalla prima casa ai buoni pasto dei dipendenti, dal gioco alle sigarette. È un piccolo esercito di balzelli, di regimi fiscali ridotti o cancellati. Un capitolo caldo è, sicuramente, offerto dalla nuova patrimoniale che penalizzerà i proprietari di seconde case e chi intenderà concludere contratti di affitto (con l’aumento al 12,5% della cedolare secca).

In questa breve rassegna, abbiamo voluto elencare tutte le nuove tasse del 2020 a cui, sin d’ora, dovremo purtroppo abituarci e che serviranno allo Stato a recuperare circa 5 miliardi.

Nuove tasse sulla casa

Partiamo proprio dal settore immobiliare, con l’accorpamento di Imu e Tasi nella nuova Imu. La sintesi delle nuove imposte porterà a un incremento dell’aliquota fino allo 0.86 per mille.

C’è poi la cedolare secca per gli affitti concordati che dal 10% passa al 12,5%. Un 25% in più di tassa piatta che preoccupa i proprietari di Confedilizia. Ma che dovrebbe preoccupare anche gli inquilini.

Triplicano le imposte ipocatastali sugli acquisti della prima casa con imposta di registro (quelle cioè che derivano da passi di proprietà tra privati). Da 50 si passa ora a ben 150 euro. Invece, per le cessioni di immobili soggette a Iva, l’imposta passa da 200 a 150 euro.

Tassa su plastica e imballaggi

La plastic tax viene giustificata dalla tutela dell’ambiente, ma in realtà si risolve in un massiccio prelievo su una serie di prodotti come ad esempio gli imballaggi. La portata generale dell’imposta determinerà un forte aumento dei prezzi sui consumatori finali. Il punto debole della previsione è che si vanno a colpire anche le plastiche derivate da processi di riciclo, punendo anche gli operatori che, in tutti questi anni, hanno investito per la realizzazione di sistemi di recupero. Dovranno pagarla i produttori, ma è sicuro che verrà scaricata sui consumatori.

Diretta conseguenza è anche la nuova tassa sull’acqua.

Taglio alle detrazioni

Addio agevolazioni fiscali per i più ricchi. Chi ha un reddito superiore a 100mila euro dovrà dire addio alle detrazioni fiscali al 19% (restano esclusi gli interessi passivi sui mutui). Oltre queste soglie con un décalage i benefici fiscali si azzereranno completamente.

Certificati penali

Nasce il bollo di 2,4 euro per ogni foglio dovuto al momento del rilascio dei certificati richiesti dagli organi dell’autorità giudiziaria relativi alla materia penale.

Carburanti

Dal 2021, viene eliminato il tetto delle accise sul gasolio con un sostanziale riallineamento con la benzina. I carburanti arriveranno a costare lo stesso prezzo? Leggi Quanto aumenterà il diesel con la manovra. Una nuova tassa ambientale che promette grosse ripercussioni non solo sui trasporti privati, ma anche sui costi della produzione, sulle bollette della luce e del gas. Con aumenti generalizzati anche sui prodotti del supermercato.

Gioco e slot

Dal 10 febbraio 2020, arriva una nuova stretta (attesi 468 milioni) su slot e videolottery con un unico balzello sugli incassi rispettivamente dal 21,6% al 23% e per le Vlt dal 7,9% al 9% della raccolta.

Sugar tax

Bibite gassate tassate. Le merendine, invece, non si toccano. 

Tabacco

Nuove imposte deriveranno dall’aumento di accise su liquidi, bruciatori, trinciato e sigarette.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube