Diritto e Fisco | Articoli

Dal 2021 bonus di mille euro per i lavoratori

17 Ottobre 2019 | Autore:
Dal 2021 bonus di mille euro per i lavoratori

Allo studio un raddoppio del bonus Renzi in busta paga: 50 euro al mese in più dal 2020, altri 80 euro dal 2021.

Il taglio del cuneo fiscale, cioè delle imposte e dei contributi che gravano sul costo del lavoro, sta finalmente diventando una realtà: sono difatti allo studio numerose ipotesi che prevedono nuovi crediti e detrazioni fiscali in aggiunta al bonus Renzi, cioè al bonus di 80 euro in busta paga attualmente operativo. Un ulteriore bonus Irpef mensile, poi, dovrebbe essere esteso a una nuova platea di lavoratori ad oggi non destinatari del beneficio, cioè a coloro il cui reddito supera i 26.600 euro annui, e dovrebbe essere raddoppiato dal 2021.

In pratica, è previsto dal 2021 un bonus di mille euro per i lavoratori: ma procediamo con ordine e cerchiamo di capire come si articoleranno i nuovi benefici.

Ad oggi, il bonus Renzi, o bonus Irpef, è riconosciuto in busta paga, come credito d’imposta, nella misura di 80 euro al mese, 960 euro annui, se risultano prodotti redditi di lavoro dipendente o assimilati (derivanti dall’indennità di disoccupazione, da collaborazioni) per l’intero anno, e se il reddito complessivo personale è tra 8.146 e 24.600 euro.

Il bonus spetta in misura ridotta con redditi annui da 24.600 euro sino a 26.600 euro. Nulla spetta a chi supera i 26.600 euro o a chi si trova al di sotto di 8.145 euro annui, la cosiddetta soglia d’incapienza o no tax area, entro la quale le detrazioni per redditi di lavoro dipendente superano l’Irpef lorda.

Le nuove proposte allo studio prevedono, per il 2020:

  • un credito d’imposta sino a 50 euro al mese per chi supera i 26.600 euro annui di reddito, ma non supera i 35.000 euro (secondo una differente ipotesi, il credito aggiuntivo dovrebbe spettare sino ai 40.000 euro di reddito, ma dovrebbe diminuire all’aumentare dei redditi, sino ad azzerarsi);
  • la trasformazione del bonus Renzi da 80 euro da credito d’imposta a detrazione fiscale (fruibile non in busta paga, ma in sede di conguaglio fiscale o di dichiarazione dei redditi); coloro che possiedono un reddito da 8.146 euro annui sino a 26.600 euro avrebbero, inoltre, diritto a un bonus aggiuntivo di 40-50 euro al mese, derivante dal taglio del cuneo fiscale; beneficerebbero, dunque, degli 80 euro al mese, più ulteriori 40 euro;
  • la previsione di un mini bonus anche per gli incapienti, cioè per i lavoratori con redditi sino a 8.145 euro; l’intervento dovrebbe, però, essere valutato attentamente e coordinato con gli altri benefici già previsti per chi ha redditi bassi, come il reddito di cittadinanza.

Per il 2021 si prevede invece:

  • un credito d’imposta sino a 83 euro al mese, pari a mille euro all’anno, per chi supera i 26.600 euro annui di reddito, ma non supera i 35.000 euro (secondo una differente ipotesi, il credito aggiuntivo dovrebbe spettare sino ai 40.000 euro di reddito, ma dovrebbe diminuire all’aumentare dei redditi, sino ad azzerarsi);
  • il mantenimento del bonus Renzi da 80 euro come detrazione fiscale (fruibile non in busta paga, ma in sede di conguaglio fiscale o di dichiarazione dei redditi); coloro che possiedono un reddito da 8.146 euro annui sino a 26.600 euro avrebbero, inoltre, diritto a un bonus aggiuntivo sino a 83 euro al mese, mille euro annui, derivante dal taglio del cuneo fiscale. Sarebbe, dunque, raddoppiato il bonus Renzi da 80 euro;
  • la previsione di un aumento del mini bonus per gli incapienti, cioè per i lavoratori con redditi sino a 8.145 euro, nell’ipotesi in cui l’intervento relativo al mini bonus sia attuato nel 2020.

Grazie alle nuove misure, il potere d’acquisto per i lavoratori aumenterebbe notevolmente: le novità dovrebbero essere attuate con la legge di Bilancio 2020.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube