Diritto e Fisco | Articoli

Quanti soldi contanti si possono prelevare dal libretto postale?

8 Novembre 2019
Quanti soldi contanti si possono prelevare dal libretto postale?

Quanti soldi contanti si possono prelevare dal libretto postale, quali sono i massimali giornalieri e mensili previsti per le diverse tipologie di prodotti.

Il libretto postale è una soluzione di risparmio che Poste Italiane ti propone, allo scopo di tenere al sicuro il tuo denaro tramite prodotti garantiti direttamente dallo Stato Italiano ed emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti. Nati nel 1875, capisaldi della storia dei risparmiatori italiani da oltre 140 anni, i libretti postali rispondono a oneri di natura fiscale, ma non presentano costi di apertura, gestione o chiusura. Se cerchi una soluzione alternativa all’apertura di un conto corrente presso una banca, i libretti postali possono essere la risposta giusta ai tuoi bisogni. Questi prodotti finanziari, sono inoltre proposti all’utenza sotto forma di diverse tipologie, ognuna delle quali viene definita da caratteristiche precise, in modo da rispondere alle più varie esigenze di chi li richiede. Esistono, ad esempio, libretti pensati per chi è genitore e vuole assicurare un futuro ai figli oppure per il deposito di soldi che arrivano esclusivamente da procedimenti giudiziari.

Le condizioni di operatività stabilite per ogni libretto, sono anch’esse differenti e coinvolgono precise soglie per quello che riguarda versamenti e prelievi. Se hai un’esigenza improvvisa di spesa e devi avere in mano del denaro, magari perchè, per un qualsiasi problema, non puoi adoperare uno strumento di pagamento elettronico come un bancomat o una carta di credito, sicuramente ti sarai chiesto quanti soldi contanti si possono prelevare dal libretto postale. In questo articolo, ti aiuterò a capire quali sono i massimali giornalieri e mensili relativi al prelievo di contante dal tuo libretto postale e come variano gli importi in base alle tipologie di riferimento dei diversi prodotti di risparmio.

Libretto Smart e prelievi

Tra i libretti postali che Poste Italiane ti propone, c’è il Libretto Smart, che può essere aperto in forma dematerializzata e ti permette di gestire i tuoi risparmi anche online, tramite app e senza spese. Gli interessi maturano a partire dal giorno del versamento fino a quello di estinzione del libretto, la capitalizzazione è annuale ed effettuata al 31 dicembre. Puoi, inoltre, trasferire denaro sul tuo Libretto Smart tramite bonifico dal tuo conto corrente bancario. Al tuo Libretto Smart puoi associare la Carta Libretto Postale, una carta per versamenti e prelievi che ti permette di effettuare queste operazioni presso tutti gli uffici postali e gli Atm, gli sportelli automatici appartenenti al circuito Postamat.

Quanti soldi contanti si possono prelevare dal Libretto Smart? Se intendi effettuare un prelievo a sportello nello stesso ufficio postale che ti ha rilasciato il libretto, non ti sarà imposto nessun limite. Stesso discorso se pensi di effettuare un prelievo con carta presso uno sportello appartenente ad uffici postali diversi da quello di emissione del tuo Libretto Smart: anche in questo caso, non avrai limite per prelevare del denaro contante.

Se pensi, invece, di prelevare senza carta presso uno sportello postale di un ufficio diverso da quello di emissione del tuo libretto, ti sarà imposto un limite massimo giornaliero di 600,00 euro. Se intendi, infine, prelvare contanti da un Atm Postamat, dovrai anche qui rispettare il limite massimo di 600,00 euro e di 2.500, euro al mese.

Libretto ordinario e prelievi

Il Libretto Ordinario di Poste Italiane può avere fino a 4 intestatari, persone fisiche e giuridiche. La maturazione degli interessi inizia a partire dal giorno del versamento e prosegue fino alla data di estinzione del libretto. Il tasso nominale annuo lordo è dello 0,01%. Sul tuo libretto postale ordinario potrai accreditare il tuo stipendio o la tua pensione ed effettuare versamenti e prelievi anche con Carta Libretto associata.

Quanti soldi contanti si possono prelevare dal Libretto Ordinario? Le regole sono le stesse del Libretto Smart: nessun limite per un prelievo a sportello presso l’ufficio postale di apertura del libretto e per un prelievo a sportello con carta in uffici diversi; 600,00 euro al giorno e 2.500,00 euro al mese per un prelievo all’Atm Postamat.

Se il tuo libretto ordinario è cartaceo, nel caso di un prelievo senza carta presso uno sportello postale diverso da quello di emissione del tuo prodotto, ti sarà imposto un limite giornaliero di 600,00 euro.

Libretto dedicato ai minori e prelievi

Il Libretto dedicato ai minori di Poste Italiane è stato pensato per chi voglia mettere da parte piccole somme che, un domani, possano essere utili ai propri figli o nipoti. Può essere aperto da tutti e due i genitori o da uno solo, delegato dall’altro. Deve, però, essere imprescendibilmente intestato in via esclusiva al minore. Esistono 3 tipologie di Libretto Minori:

  • il libretto IO Cresco, dedicato a bambini da 0 a 12 anni, che avvicina i più piccoli al tema del risparmio;
  • il libretto IO Conosco, pensato per ragazzini da 12 a14 anni, a cui è permesso il versamento e il prelievo di piccole somme;
  • il libretto IO Capisco, per giovani da 14 a 18 anni, per versare e prelevare somme di utilità gestendo i propri risparmi.

Il passaggio di tipologia avviene in automatico, quando il minore compie 12 e 14 anni. Ai libretti Io Conosco e Io Capisco può essere associata la Carta IO, utile ad effettuare versamenti e prelievi presso uffici postali o Atm Postamat.

Per quanto riguarda i limiti di operatività sui prelievi, questi variano a seconda della tipologia di Libretto Minori. Per il libretto IO Cresco, sono permessi versamenti e prelievi giornalieri congiunti dei
genitori presso l’ufficio postale di apertura del libretto entro il limite di deposito di 15.000,00 euro. Il versamento e il prelievo giornaliero disgiunto dei genitori, effettuato presso l’ufficio postale di apertura del libretto, è fissato entro il limite delle 2.500,00 euro. Non è consentito il prelievo dei genitori presso differenti uffici postali ne tanto meno è permesso prelevare al minore, intestatario del prodotto Io Cresco, presso Atm Postamat o uffici delle poste.

Le medesime condizioni e soglie del precedente libretto, valgono per il libretto IO Conosco in merito a versamenti e prelievi congiunti e disgiunti dei genitori presso l’ufficio postale di appartenenza. Questa volta, però, è permesso il prelievo di mamma e papà presso altri uffici delle poste, con un massimo di 30,00 euro al giorno e 250,00 euro al mese. Il libretto IO Conosco permette anche il prelievo del minore titolare, sia in ATM Postamat con Carta IO che in posta. I limiti di prelievo sono gli stessi previsti per i genitori ovvero 30,00 euro al giorno e 250,00 euro al mese.

Per Libretto IO Capisco, non cambia il massimale per versamenti e prelievi congiunti dei genitori presso l’ufficio dove hanno aperto il libretto al figlio. L’operazione è consentita quindi entro il limite di deposito di 15.000 euro. I versamenti e prelievi giornalieri disgiunti dei genitori, compiuti presso l’ufficio postale di apertura del libretto, avranno un limite di 2.500,00 euro come quello degli altri libretti Minori. Se invece il genitore preleva presso altri uffici postali, potrà entrare in possesso di un massimo di 50,00 euro al giorno, per un totale di 500,00 euro al mese. Permesso, anche in questo caso, il prelievo del minore intestatario, tramite richiesta all’ufficio postale o con carta presso un ATM Postamat, per le medesime soglie di 50,00 euro giornaliere e 500,00 euro mensili.

Libretto giudiziario e prelievi

Il Libretto giudiziario viene aperto su richiesta dell’autorità giudiziaria, per il deposito di somme derivanti da procedimenti legali come pignoramenti o sequestri. La sua funzione è di natura cautelare. I Libretti giudiziari vengono rilasciati esclusivamente in forma cartacea e possono essere intestati a persone fisiche maggiorenni o a persone giuridiche parti di un procedimento giudiziario come:

  • l’organo giudiziario, in caso di somme che siano state sequestrate nell’ambito di procedimenti penali contro ignoti oppure pertinenti a cittadini italiani che siano morti all’estero;
  • gli avvocati che richiedono o convalidano l’apertura del deposito, in via esclusiva per cifre atte a concorrere agli incanti;
  • il curatore fallimentare, nel caso di somme inerenti a procedure fallimentari;
  • altri soggetti indicati dall’autorità giudiziaria con specifico provvedimento.

Con il libretto giudiziario, versamenti e prelievi sono possibili soltanto presso uffici postali abilitati, situati presso località che sono sedi di uffici di conciliazione, tribunali, Corti d’Appello e devono essere richiesti dall’autorità giudizia per fini cautelari. Quanti soldi contanti si possono prelevare dal Libretto Giudiziario? Per quanto riguarda un prelievo a sportello, effettuato presso l’ufficio postale dove hai aperto il libretto, non è imposto alcun limite. Per un prelievo a sportello, senza carta e in uffici postali abilitati diversi da quello di apertura del libretto, il limite è fissato in un massimo di 600,00 euro giornaliere. Stesso limite di 600,00 euro giornaliere per un prelievo presso un ATM Postamat abilitato, per un massimo di 2.500,00 euro al mese.

Dove trovare informazioni

Se hai bisogno di informazioni dettagliate su quanti soldi si possono prelevare dal libretto postale, puoi trovare ogni risposta alle tue domande sul sito istituzionale di Poste Italiane. Potrai avere a tua disposizione la descrizione di ogni libretto di risparmio, con le sue caratteristiche insieme al foglio informativo aggiornato. Proprio all’interno di questo documento, potrai notare una tabella in cui saranno elencati i limiti di operatività sul tuo libretto, con indicate esattamente le tipologie di prelievi a cui avrai accesso, insieme agli importi massimi giornalieri e mensili.

Voglio, infine, ricordarti che, in ogni caso, indipendentemente dalle limitazioni che potrai leggere sulle tabelle, le operazioni di prelievo non potranno essere di importi superiori al saldo disponibile sul tuo libretto postale.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA