Politica | News

Salvini apre la piazza a Casapound

17 Ottobre 2019 | Autore:
Salvini apre la piazza a Casapound

Sulla manifestazione di Roma: venga chi vuole. Non cita Cucchi ma dice: “Se la parola di uno spacciatore conta più di quella di un poliziotto mi girano le p…”

Matteo Salvini non chiude la porta a Casapound, anzi: apre la piazza al collettivo di estrema destra in vista della manifestazione del 19 ottobre in piazza San Giovanni a Roma. “Noi abbiamo aperto la piazza a tutti italiani buona volontà –  spiega il leader del Carroccio – poi ovviamente la piazza la organizza la Lega e sul palco interviene chi decide la Lega. Però sto giochino della piazza di fascisti fa ridere e non ci crede più nessuno…”, precisa.

Salvini, tuttavia, toglie importanza alle polemiche e, riguardo la manifestazione contro il Governo a cui parteciperanno anche i leader di Fratelli d’Italia e di Forza Italia, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi, assicura: “Sarà una delle più belle manifestazioni degli ultimi anni. Saremo almeno 100mila in piazza”.

Un appuntamento voluto dallo stesso capo della Lega per contestare l’attuale Esecutivo. Anche se per sentire le sue critiche al Governo Conte non c’è bisogno di attendere la manifestazione di sabato. Già questa mattina a Terni ne ha dispensate diverse. Le più colorite, a proposito della tassa sulla plastica: “Quella tassa – attacca Salvini – la pagano i consumatori, invece di tassare i ricchi… Ho letto che Confindustria ha calcolato 20 euro a famiglia: questo è un governo di incapaci o di cretini. Noi faremo le nostre proposte in Parlamento. Ma avanti di questo passo il futuro è un muro incontro cui ci stampiamo… Anche penalizzare chi ha una macchina o un furgone euro 3 o 4 è da imbecilli”.

Poi parla delle torture subite dai carcerati e, pur senza citarlo, il suo riferimento richiama il caso Cucchi: “Io non so se sia scattata una qualche epidemia nei tribunali che si fidano della parola di uno spacciatore piuttosto che di uomini in divisa. Non ci sono prove, c’è solo la parola di qualche ex-detenuto contro 6 padri di famiglia. Uno stato civile punisce gli errori, anche quando sono commessi da uomini in divisa, ma che la parola di un detenuto valga l’arresto di un poliziotto – conclude Salvini – mi fa girare le palle terribilmente”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Con queste premesse quel che pensa il sig. Salvini non m’interessa … Chiedo solo urbi et orbi: che altro sarebbe casa pound se non un’accozzaglia di soggetti da prendere, a essere benevoli, con le molle? Ma ben altra sarebbe la considerazione da fare… Questo paese da dozzina dimentica troppo spesso e con troppa facilità la Costituzione repubblicana – che, se non erro, è ancora in vigore, sic! -, in particolare là dove la XII disposizione transitoria della stessa recita:
    “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”. E che altro sarebbe questa marmaglia se non???… Oppure sono io che, preso da raptus improvviso, m’invento tutto?

  2. Siamo in uno stato “buonista” dove ad essere tutelati sono i delinquenti e non le loro vittime. I delinquenti hanno un esercito a difenderli (avvocati gratis, sedicenti ONLUS, com(piacenti) assistenti sociali e via di questo passo). Una volta, le carceri erano denominate “Istituti di pena”, adesso sono Grand Hotel e beauty farms. Considerazione personale: che schifo!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube